68° Festival di Sanremo – Fiori e musica anche dal Cilento

Ieri quattro febbraio si è alzato il sipario sui galà e gli eventi mondani che aprono il 68° Festival di Sanremo. La giornata in cui i protagonisti della kermesse canora si sono presentati agli addetti ai lavori, tra Palafiori, casinò e hotel Londra. Con il Festival della canzone italiana, apre le sue porte Casa Sanremo Vitality’s, l’hospitality realizzata da Gruppo Eventi e nata da un’idea di Vincenzo Russolillo e Mauro Marino. L’evento presso il Palafiori giunto ormai alla sua undicesima edizione, porta con sé un programma denso. Madrina d’eccezione, la conduttrice televisiva Elisa Isoardi, grazie alla collaborazione del maestro orafo Michele Affidato.


Tra le novità di quest’anno c’è la Luxury Room situata al 2° livello del Palafiori, è il luogo più esclusivo riservato di Casa Sanremo. Una location completamente dedicata ad un privilegiato parterre di ospiti, grazie anche alla presenza degli studi radiofonici di Radio Monte Carlo.


L’addobbo floreale di casa Sanremo è stato affidato alla ditta “Piante e fiori veltri” di Roccagloriosa (Salerno ).

Quando Daniele e Antonella della ditta “Piante e fiori Veltri” mi hanno contattato ho subito accolto l’invito a seguirli nell’avventura sanremese…

(intervista a Daniele Veltri)

 

Queste alcune immagini degli addobbi floreali del primo giorno…

 

…I colori delle composizioni :…
il caldo sole del sud nell’arancione delle sterlizie; il bianco degli arenili negli anthurium; il grano simbolo di una terra tanto amata; il verde di sconfinate vallate e monti che regnano sovrani; e il lilla simbolo di amore per se stessi e per il lavoro, che svolgono con passione.

 

 

Non solo i fiori … non solo Daniele e Antonella sono per noi cilentani motivo di orgoglio ma anche la partecipazione a casa Sanremo degli alunni della “ Pisacane Wind Orchestra” del Liceo Musicale di Sapri.,,


(Intervista al prof.Antonio Marotta)

 

Ed ecco due video all’apertura dell’evento…

 

A casa Sanremo sono impegnati  in un progetto di alternanza scuola/lavoro altri alunni degli istituti ad indirizzo alberghiero del territorio, sicuramente una occasione di crescita personale e professionale.

Con queste composizioni floreali di oggi…accuramente preparate da Antonella della “Piante e fiori Veltri“…mi avvio alla conclusione di questo articolo…consapevole delle potenzialità del nostro territorio e dei nostri giovani. I fiori e la musica del nostro Cilento sono poesia per Sanremo e speranza per il futuro. Vi abbraccio con la stima di sempre.

Angelo RISI

 

 

Conferenza stampa presentazione 68° Festival di Sanremo…

 

Continue Reading

Sapri – Giornata contro la violenza sulle donne

Il Centro antiviolenza “Iris” del piano di zona S9-Sportello “Pierangela”, al fine di sensibilizzare i giovani del territorio sul delicatissimo tema della violenza sulle donne è stato promotore di un concorso fotografico: “Di amore non si muore”, rivolto agli alunni dei vari ordini scolastici. L’ente patrocinante è stato il Comune di Sapri.

Oggi, venticinque novembre, in occasione della Giornata contro la violenza sulle donne, presso l’Auditorium “Cesarini” si è tenuta la premiazione dei vincintori .

Madrina della manifestazione Livia Azzariti che ha presentato i lavori vincitori, scelti da una qualificata giuria presieduta da Nello Pepe. Gli operatori della rete sociale presente sul territorio hanno portato i loro saluti e le proprie esperienze di campo.

Per le scuole primarie,si sono aggiudicati il primo e terzo posto gli alunni dell’Istituto comprensivo Santa Croce; il secondo posto quelli di Santa Marina-Policastro. Per le Scuole secondarie di Primo grado nell’ordine i vincitori: L’Istituto Dante Alighieri, l’Istituto Santa Croce e al terzo Santa Marina-Policastro. Per quanto riguarda le scuole secondarie di secondo grado, al primo e secondo posto si sono qualificati i lavori  degli alunni dell’IPSEOA, al terzo posto quelli del Liceo Classico.

 I meriti di questa manifestazione vanno riconosciuti a chi l’ha organizzata e precisamente: al Centro antiviolenza Iris del Piano di Zona S9, al Comune di Sapri Ente patrocinante,alla coordinatrice del Piano di zona  Gianfranca Di Luca, ai dirigenti scolastici, ai docenti, alla giuria presieduta da Nello Pepe, alla conduttrice Livia Azzariti e a quanti a vario titolo hanno collaborato…ma soprattutto ai ragazzi che con i loro lavori hanno sensibilizzato e evidenziato un tema così importante e delicato.

Ho sentito il bisogno di essere presente per la validità del messaggio sociale….e così ho intervistato la Giornalista-conduttrice Livia Azzariti…

 e il Capitano Zitiello della Compagnia Carabinieri di Sapri.

In conclusione vi riporto un mio messaggio che di getto stamane ho scritto sui social:

Non basta solo una giornata a ricordare la violenza sulle donne. ..non basta condannare come giusto che sia l’estremo gesto di togliere la vita. Occorre ricordare che tutti noi uomini, me compreso, proprio perché tali..ancora radicati in una mentalità maschilista. ..volontariamente o involontariamente perpetriamo una serie di violenze psicologiche sulla donna. Non sto ad elencarle. ..tutti noi le conosciamo. Dobbiamo ancora crescere per considerare la donna un nostro pari…che merita rispetto e libertà …cose che noi pretendiamo da tutti. Chissà se un giorno ci sentiremo veramente tutti uguali. ..non solo nelle parole ma nei fatti.
Non basta una giornata. ..Occorre crescere.
I veri uomini non ammazzano…sono per la vita”.

Ringrazio per le foto e le riprese l’amico Vito SANSONE.

Vi abbraccio con la stima di sempre

Angelo RISI

Continue Reading

Lecco…”Sulle orme di Manzoni”

La città di Lecco sita sul ramo orientale del lago di Como, e sulla sponda sinistra del fiume Adda, tra i monti della Grigna e della cresta del Resegone, è celebre per essere il luogo in cui lo scrittore Alessandro Manzoni visse l’età adolescenziale nella villa di famiglia e dove ambientò il romanzo i ”Promessi sposi”.

Difatti l’inizio dei Promessi Sposi è una splendida fotografia di Lecco e del territorio circostante, raccontata con armoniosa leggiadria dall’autore che l’ha resa famosa in tutto il mondo.
Sembra quasi che lo scrittore l’abbia vista dal lago e poi dall’alto, perché delinea con precisione la conformazione naturale di Lecco. Un lago tutto a seni e golfi, incorniciato dalle catene montuose che proteggono la città: il San Martino e il Resegone, dall’inconfondibile profilo a sega, e i tre torrenti che tagliano Lecco dall’alto quasi in parti uguali.
Un lago che si restringe e prende il corso del fiume Adda, le cui rive proprio a Lecco sono congiunte dal ponte Azzone Visconti. Tutto intorno pendii, poggi, campi e vigne con casali e ville e boschi che abbracciano la montagna.

“Quel ramo del lago di Como, che volge a mezzogiorno, tra due catene non interrotte di monti, tutto a seni e a golfi, a seconda dello sporgere e del rientrare di quelli, vien, quasi a un tratto, a ristringersi, e a prender corso e figura di fiume, tra un promontorio a destra, e un’ampia costiera dall’altra parte; e il ponte, che ivi congiunge le due rive, par che renda ancor più sensibile all’occhio questa trasformazione, e segni il punto in cui il lago cessa, e l’Adda rincomincia, per ripigliar poi nome di lago dove le rive, allontanandosi di nuovo, lascian l’acqua distendersi e rallentarsi in nuovi golfi e in nuovi seni. La costiera,formata dal deposito di tre grossi torrenti, scende appoggiata a due monti contigui, l’uno detto di san Martino, l’altro, con voce lombarda, il Resegone, dai molti suoi cocuzzoli in fila, che in vero lo fanno somigliare a una sega: talché non è chi, al primo vederlo, purché sia di fronte, come per esempio di su le mura di Milano che guardano a settentrione, non lo discerna tosto, a un tal contrassegno, in quella lunga e vasta giogaia, dagli altri monti di nome più oscuro e di forma più comune. Per un buon pezzo, la costa sale con un pendii lento e continuo; poi si rompe in poggi e in valloncelli, in erte e in ispianate,secondo l’ossatura de’ due monti, e il lavoro dell’acque. Il lembo estremo, tagliato dalle foci de’ torrenti, è quasi tutto ghiaia e ciottoloni; il resto, campi e vigne, sparse di terre, di ville, di casali; in qualche parte boschi, che si prolungano su per la montagna.”

I promessi sposi ( fatti che si svolgono sullo sfondo della campagna lombarda e della città di Milano, tra il 1628 e il 1630 durante il dominio spagnolo, che vedono protagonisti Renzo e Lucia, due giovani filatori, che hanno un sogno…quello di convolare a nozze )

è un celebre romanzo storico di Alessandro Manzoni, ritenuto il più famoso e il più letto tra quelli scritti in lingua italiana. Preceduto dal “Fermo e Lucia”, spesso considerato romanzo a sé, fu pubblicato in una prima versione nel milleottocentoventisette (detta “ventisettana”); rivisto in seguito dallo stesso autore, soprattutto nel linguaggio, fu ripubblicato nella versione definitiva fra il milleottocentoquaranta e il milleottocentoquarantadue (detta “quarantana”). Il romanzo si basa su una rigorosa ricerca storica e gli episodi del diciassettesimo secolo, come ad esempio le vicende della monaca di Monza (Marianna de Leyva y Marino) e la grande peste del milleseicentoventinove – milleseicentotrentuno, si fondano su documenti d’archivio e cronache dell’epoca. Il romanzo di Manzoni viene considerato non solo una pietra miliare della letteratura italiana – in quanto è il primo romanzo moderno di questa tradizione letteraria – ma anche un passaggio fondamentale nella nascita stessa della lingua italiana.

 I promessi sposi, inoltre, sono considerati l’opera più rappresentativa del romanticismo italiano  e una delle massime della letteratura italiana per la profondità dei temi (si pensi alla filosofia della storia  in cui, cristianamente, opera l’insondabile Grazia divina nella Provvidenza) e per la rivoluzione dell’economia della vicenda in cui, per la prima volta, i protagonisti sono gli umili e non più i grandi della storia.

 

L’identità culturale lecchese è testimoniata da un interessante itinerario storico-letterario sulle tracce dei luoghi che furono di ispirazione al grande romanziere milanese.

Manzoni nacque il 7 marzo 1785 a Milano. Frutto di una relazione adulterina di Giulia Beccaria, figlia del letterato illuminista Cesare Beccaria, venne riconosciuto dal conte Pietro Manzoni per evitare lo scandalo. In seguito alla separazione dei due coniugi, Alessandro fu costretto a lasciare la madre. Nel 1795 Giulia Beccaria cominciò a convivere con Carlo Imbonati, con cui presto si trasferì a Parigi. Il piccolo Manzoni venne inviato a studiare in collegi religiosi dal 1791 al 1801. La sua formazione intellettuale, spontaneamente illuministica e razionalistica, lo porterà a intrattenere una serie di rapporti con Vincenzo Cuoco, che nel 1801 aveva pubblicato un saggio storico sulla rivoluzione napoletana del 1799, il cui fallimento attribuiva all’astrattezza del movimento illuminista. Uscito dal collegio, Manzoni manifestò un atteggiamento di disgusto nei confronti dell’insegnamento tradizionale e religioso, e si avvicinò a posizioni giacobine. Nel 1801 compose il poemetto il Trionfo della libertà, imbevuto di sentimenti democratici e anticlericali. Dal 1801 al 1804 visse con il padre nella Milano napoleonica, dove si cimentò con una produzione letteraria ispirata ai principi del neoclassicismo e da ideali democratici, ma presto manifestò la sua insoddisfazione per l’evoluzione politica del regime napoleonico. A Milano conobbe e frequentò Vincenzo Monti, che ospite una volta di Giulia Beccaria a Parigi, ha modo di parlare a Carlo Imbonati di Manzoni, il quale decise di invitarlo nella capitale francese. Ottenuto il permesso del padre, Alessandro Manzoni si preparò a partire, ma nella primavera del 1805 lo raggiunse la notizia della morte di Carlo Imbonati. Giunto a Parigi, ebbe il primo incontro con la madre, con la quale scoppiò un vero e proprio amore. Rimase a Parigi fino al 1810 e, durante il suo soggiorno, in omaggio alla madre e alla figura di Carlo Imbonati pubblicò il carme In morte di Carlo Imbonati in endecasillabi sciolti. Nel carme il poeta immagina un’apparizione in sogno di Imbonati che gli impartisce precetti di virtù utili per la sua attività letteraria. A Parigi entrò in contatto con il gruppo degli “idéologues”, intellettuali che ripensavano criticamente i presupposti e gli esiti della Rivoluzione. Concentravano la loro attenzione sul contrasto tra natura e società, nella consapevolezza dell’influenza della tradizione e della storia. Respingevano il predominio assoluto della ragione e vivevano criticamente il fallimento degli ideali illuministici. Importante per Manzoni  fu Claude Fauriel, suo punto di riferimento costante.  Alessandro Manzoni, a contatto con quell’ambiente, manifestò la sua insoddisfazione per l’Illuminismo e i suoi esiti, e alimentò il suo desiderio di aderire a valori che fossero assoluti e collettivi, ponendo così le premesse per quel clima spirituale e intellettuale, che lo porterà alla conversione sia di tipo religioso, sia intellettuale del 1810. Nel 1808 Manzoni si sposò a Milano con Enrichetta Blondel con rito calvinista (Enrichetta proveniva da una famiglia di fede calvinista). Enrichetta entrò in contatto con un prete giansenista di Genova, l’abate Degola, avvicinandosi così alla fede cattolica. Nel 1810 venne celebrato nuovamente il matrimonio con Alessandro Manzoni secondo il rito cattolico. Nello stesso anno Enrichetta e Alessandro assistettero al matrimonio tra Napoleone e Maria Luigia d’Austria. Nel trambusto della festa Manzoni perse di vista la moglie, e venne colto da una crisi d’angoscia, crisi che da allora lo accompagneranno sempre sotto forma di agorafobia. A quanto si racconta si sarebbe rifugiato nella chiesa di San Rocco e per la prima volta avrebbe pregato Dio. Episodio molto famoso che riduce a un momento eccezionale una storia di pensieri ed emozioni ben più complessi di cui Manzoni non parlò mai.

(La cappella della villa di Lecco)

 La villa fu residenza della famiglia Manzoni per due secoli fino a quando venne venduta nel 1818 dallo scrittore alla famiglia Scola, che la mantenne inalterata fino agli anni ’60, quando fu ceduta al Comune di Lecco. In questa villa, Alessandro Manzoni trascorse quasi tutta l’infanzia e l’adolescenza. 

 

 

 

Il Museo Manzoniano espone in 10 sale, ciascuna legata ad un tema differente,le  prime edizioni del romanzo, manoscritti, cimeli relativi alla vita ed alle opere di Alessandro Manzoni. Gli ambienti del piano terra sono rimasti con gli arredamenti originali dello scrittore al momento della vendita. Fanno parte del percorso anche la Cappella e le cantine.

Villa Manzoni è un edificio in stile neoclassico situato a Lecco nel quartiere Caleotto.
Trasformato in museo letterario fu la residenza della famiglia di Alessandro Manzoni
 che vi trascorse, come lui stesso scrive nell’introduzione al “Fermo e Lucia”, tutta l’infanzia, l’adolescenza e la prima giovinezza

 

Nel millenovecentoquaranta fu dichiarata Monumento Nazionale da Re Vittorio Emanuele.

Il primo della famiglia che abitò nella casa del Caleotto fu il quadrisavolo dello scrittore,  Giacomo Maria Manzoni  “abitante ab Caliotto, territorio di Lecco”, come si legge in un documento del 15 agosto 1612. Dopo di lui tutti gli antenati dello scrittore vissero in questa casa e quasi tutti vi nacquero, come pure suo padre, Pietro Manzoni nato il due luglio 1736.

Targa posta dalla famiglia Scola sul muro esterno dell’edificio

Fu ristrutturata negli ultimi anni di vita del nonno, che si chiamava anch’esso Alessandro (1686 – 1773) e gli interventi continuarono con Pietro Antonio  (1736 – 1807), il padre del romanziere, che con il fratello, monsignor Paolo Manzoni (1729 – 1800) diede alla villa l’aspetto attuale.

Le mappe dell’epoca riportano la costruzione identica in pianta all’attuale, i fondi agricoli “vitati” e “moronati” cioè coltivati a viti e gelsi, e il giardino all’italiana, che si trovava sul fianco destro della villa.

Nella villa i Manzoni si trasferirono circa nel 1620 dalla Valsassina; la villa dovette poi subire radicali modifiche. Alessandro Manzoni, che fu il primo deputato in alcuni “Convocati Generali” del Comune di Lecco tra il 1816 e il 1817, dovette vendere tutta la proprietà del Caleotto alla famiglia Scola nel 1818, la quale, nel 1875, fece apporre all’esterno della villa una targa commemorativa per il centenario della nascita del poeta. Su questa targa erano scritte le seguenti parole:

Alessandro Manzoni in questa villa sua fino al 1818 si ispirava agli “Inni”, ”Adelchi”, ai “Promessi sposi” ove i luoghi, i costumi, i fatti nostri e se stesso immortalava”.

 

luoghi manzoniani sono siti, edifici, quartieri, serviti da ispirazione e citati da Manzon nel romanzo I Promessi Sposi. Per alcuni le citazioni sono precise, per altri la corrispondenza è determinata dalla tradizione, come nella presunta casa di Lucia, a volte con più di una assegnazione per lo stesso luogo. Presenti principalmente a Lecco, a Milano e in Brianza. Inoltre si riferiscono ed esprimono lo spirito e la psicologia dei personaggi attraverso la loro descrizione: un esempio è il castello con l’Innominato, oppure il palazzotto con don Rodrigo.

“È l’inespugnabile fortezza in cui vive e opera l’Innominato, situata in un punto imprecisato lungo il confine tra il Milanese e il Bergamasco e distante non più di sette miglia dal palazzotto di don Rodrigo: il luogo è descritto all’inizio del capitolo ventesimo, quando il signorotto vi si reca per chiedere l’aiuto del potente bandito nel rapimento di Lucia e fin dall’inizio si presenta come un castello truce e sinistro, specchio fedele della personalità del signore che vi risiede. Infatti sorge in cima a un’erta collina al centro di una valle “angusta e uggiosa” che è a cavallo del confine dei due stati, accessibile solo attraverso un sentiero tortuoso che si inerpica verso l’alto e che è dominato dagli occupanti del castello, che sono dunque al riparo dall’assalto di qualunque nemico; il castello è come un nido di aquile in cui l’innominato non ha nessuno al di sopra di sé e da dove può dominare anche fisicamente su tutto il territorio circostante, di cui egli è considerato l’assoluto padrone (i pochi birri che si sono avventurati lì sono stati uccisi e nessuno oserebbe addentrarvisi senza essere amico del bandito).
All’inizio del sentiero che conduce in alto c’è un’osteria che funge da corpo di guardia, la quale, a dispetto dell’insegna che mostra un sole splendente, è nota come la “Malanotte” e in cui stazionano “bravi” dell’innominato armati fino ai denti: qui si ferma don Rodrigo quando giunge insieme ai suoi sgherri e viene precisato che nessuno può salire al castello armato, per cui il signorotto deve consegnare ai bravi il suo schioppo. In seguito viene accompagnato all’interno della fortezza e percorre una serie di oscuri corridoi, con bravi di guardia ad ogni stanza e varie armi appese alle pareti (moschetti, sciabole, armi da taglio…), mentre la sala in cui avviene l’incontro con l’innominato non presenta dettagli rilevanti, cosa che può dirsi anche per altri “interni” che appariranno nei successivi episodi.
Dopo il rapimento  Lucia è condotta da Monza al castello in carrozza (il viaggio dura più di quattro ore) e una volta che il veicolo è giunto ai piedi del sentiero che sale alla fortezza, di fronte alla Malanotte, esso non può proseguire a causa dell’erta ripida e la giovane è trasferita su di una portantina insieme alla vecchia serva dell’innominato. Questa conduce poi Lucia nella sua stanza, cui si accede tramite una “scaletta” e dove poco dopo giunge anche l’innominato; la stanza è spoglia e non presenta alcuna descrizione particolare, così come la camera in cui dorme il bandito e che viene mostrata dopo, della quale si dice solo che ha una finestra che si affaccia sul lato destro del castello, verso lo sbocco della valle (da lì l’uomo vede la gente che accorre dal cardinal Borromeo, giunto in visita pastorale al vicino paesetto che non dev’essere troppo lontano da quello dei due promessi, dal momento che fra i curati presenti c’è anche don Abbondio).
Questi percorre in seguito la salita al castello in groppa a una mula, insieme all’innominato e a una lettiga che trasporta la moglie del sarto del paese, con il compito di rincuorare Lucia nel momento in cui verrà liberata: una volta giunti alla fortezza i due sono fatti entrare e apprendiamo che vi sono due cortili, uno più esterno e un altro interno. Sulla strada del ritorno il curato osserva con una certa apprensione lo strapiombo del dirupo che è costretto a rasentare e maledice la mula in quanto procede sul ciglio del burrone, tirando infine il fiato solo quando è fuori da quella valle dalla fama sinistra).
Lo stesso don Abbondio, Agnese e Perpetua  torneranno lì molti mesi dopo, per cercare rifugio nel castello a causa della calata in Lombardia dei lanzichenecchi, durante la guerra di Mantova: l’innominato ha già raccolto al castello molti uomini e ha disposto armati e posti di guardia in vari punti della valle, cosicché il luogo è perfettamente difeso. I tre giungono alla Malanotte a bordo di un baroccio procurato dal sarto e qui trovano un folto gruppo di armati, quindi procedono a piedi lungo la salita e Agnese rabbrividisce al pensiero che la figlia ha percorso quella stessa strada prigioniera dei bravi. Vengono accolti benevolmente dall’innominato che offre loro ospitalità e le donne vengono sistemate in un quartiere a parte, che occupa tre lati del cortile più interno del castello (nella parte posteriore dell’edificio, a strapiombo su un precipizio); il corpo centrale che unisce il cortile interno a quello esterno è occupato da masserizie e provviste, mentre nel quartiere destinato agli uomini ci sono alcune camere riservate agli ecclesiastici e don Abbondio è il primo a occuparne una. Lui e le due donne si trattengono al castello “ventitré o ventiquattro giorni”, quindi, nel momento in cui il pericolo dei lanzichenecchi è cessato, l’innominato li accompagna di persona alla Malanotte dove fa trovare una carrozza, e questa li porta poi al loro paese. È questa l’ultima apparizione dell’innominato nel romanzo e lo stesso può dirsi anche del suo castello.
Il luogo è stato giustamente interpretato come un riflesso “simbolico” dell’indole del suo signore, che vive nella sua solitudine asserragliato su un’alta montagna e rende il proprio maniero inaccessibile a chiunque non voglia fare avvicinare: tale è la condizione dell’innominato sino al ravvedimento, poi è lui stesso a scendere dall’altura per incontrare il cardinale e giungere alla conversione, per cui il castello è in certo qual modo immagine dell’isolamento del peccato che l’uomo spezza andando a parlare con il Borromeo.

Data l’identificazione tra il personaggio manzoniano e la figura storica di Francesco Bernardino Visconti, si pensa che il suo castello fosse quello i cui resti sorgono ancora nella cittadina di Vercurago, sulla strada che un tempo collegava Bergamo a Lecco (rimangono in piedi un torrione e parte della cinta muraria).

Lecco è panoramicamente la più bella città sul Lago di Como, qui l’Adda esce dal Lario formando il Lago di Garlate; tutt’attorno una grande cerchia di monti rocciosi dalle forme bizzarre: il Resegone, il Due Mani, il San Martino e sull’altra sponda del lago il Moregallo. Notevole è l’importanza turistica, sportiva e alpinistica di Lecco (famosi sono I ragni di Lecco), potenziata da ottimi impianti di risalita.

Abitato in età preistorica, villaggio fortificato, poi municipio romano, importante borgo nel MedioEvo, libero Comune nel XII secolo, quindi nemico di Como nella guerra dei dieci anni, Lecco passò poi sotto il giogo dei Della Torre e dei Visconti. Proverbiale è la laboriosità dei lecchesi, nel MedioEvo nella lavorazione dei bozzoli e nella filatura della seta, dal 1992 Lecco è diventata una provincia della regione Lombardia. Il centro storico, quasi privo di monumentalità architettonica, è caratterizzato da una dignitosa edilizia ottocentesca, in gran parte modellata dagli interventi in chiave neoclassica di Giuseppe Bovara, allievo minore di Luigi Cagnola.

Il figlio più illustre di Lecco è sicuramente Antonio Stoppani  ( Lecco 15 agosto 1824- Milano 1°gennaio 1891) geologo, paleontologo e patriota italiano.

 

L’opera inaugurata il 25 ottobre 1927 Punta della Maddalena, avvenne curiosamente lo stesso giorno del  Monumento a Mario Cermenati, una scultura marmorea collocata poco distante. Cermenati, naturalista e geologo, fu il fondatore del Musei Civici di Lecco.

 

Consiglio una gita in Valsassina e al Piano dei Resinelli, tra le dolomitiche creste delle Grigne…

I Piani Resinelli, situati sulle Prealpi Lombarde, sono adagiati su una grande sella ai piedi del Gruppo delle Grigne e si estendono sui Comuni di Abbadia Lariana, Mandello del Lario, Ballabio e Lecco; dalla loro posizione privilegiata si può godere di un’incomparabile vista che spazia dalle Alpi Retiche fino al Monte Rosa, dominando la pianura sottostante, il lago di Lecco ed i bacini dell’Alta Brianza. Il Massiccio delle Grigne, situato sulla sponda orientale del Lago di Como, tra Lecco e Bellano, è raggiungibile attraverso diversi percorsi con partenza dai Piani Resinelli; di grande attrattiva paesaggistica, geografica e geologica, nonché rinomata palestra di roccia, esso può considerarsi uno dei rilievi più importanti a pochi chilometri (circa sessanta) dalla città di Milano. I Piani Resinelli toccano la quota media di 1300 metri sul livello del mare, e si raggiungono in pochi minuti di automobile (circa trenta) dalla cittadina di Lecco, seguendo le indicazioni per la Valsassina, e passando per il paese di Ballabio.

Raggiunto il Belvedere uno scenario meraviglioso mi è apparso agli occhi. Tutti i colori autunnali…profumi di un territorio che visito per la prima volta. Notevole la sensazione di benessere.

Con la stima di sempre.   

Angelo RISI

Continue Reading

Sulle orme di Ortega…Bosco di San Giovanni a Piro – Conferito il Premio Ortega 2017 al Prof. Claudio Strinati

Il “Premio Ortega” giunto alla dodicesima edizione è curato dal Comune di San Giovanni a Piro (SA) nell’ambito della rassegna “Equinozio d’Autunno” – (l’equinozio non è una ricorrenza nata dal pensiero umano bensì un particolare momento del nostro sistema solare che consente la stessa durata di giorno e notte sulla terra. Questo eccezionale evento naturale, che si verifica sempre, avviene due volte l’anno ed ha sempre affascinato ed incuriosito tutta l’umanità).

In occasione dell’equinozio autunnale nel territorio comunale di San Giovanni a Piro vengono organizzate una serie di manifestazioni ed eventi culturali con l’intento di far incontrare tradizioni e culture diverse oltre ad evidenziare il patrimonio storico-ambientale del luogo.

Equinozio…Un equilibrio tra giorno e notte. Un curare con armonia e sensibilità il lato intimo di ognuno…l’animo umano, che con gioia e dolore vive sospeso… tra la vita e la morte…tra la guerra e la pace…tra la prigionia e la libertà. Un “equinozio” …uno stato quasi sereno della vita…che Ortega ha trovato solo in questi luoghi.

Questi pensieri mi hanno condotto  in Piazza Ortega dove si è tenuta la cerimonia di conferimento del Premio dedicato al grande e indimenticato artista spagnolo Josè Garcia Ortega al prof. Claudio Strinati.

Claudio Strinati è nato a Roma nel 1948, si è laureato nel 1970 con Cesare Brandi e nel 1974 ha iniziato a lavorare presso il Ministero per i Beni e le Attività culturali. Per undici anni, fino al luglio del 2009, è stato Soprintendente per il Polo museale romano. Tra le tante esposizioni da lui ideate e realizzate con un grandissimo successo di pubblico si ricordano quella dedicata a Sebastiano del Piombo a Palazzo Venezia (Roma) nel 2008 e portata in seguito a Berlino, Il Quattrocento romano sempre nel 2008 a Roma e Caravaggio organizzata alle Scuderie del Quirinale della capitale nel 2010. Da Soprintendente è riuscito a riorganizzare musei storici come la Galleria Borghese, Palazzo Venezia, il Vittoriano e a riaprire al pubblico Palazzo Barberini, dopo decenni di oblio. Altro suo merito è di aver proceduto al restauro e alla catalogazione delle opere d’arte di Roma e del Lazio, mettendole a disposizione degli studiosi attraverso un sistema informatico che è in costante sviluppo. Lunghissima la lista delle pubblicazioni, tra libri di storia dell’arte e contributi di carattere scientifico comparsi in riviste specializzate, italiane e straniere. Tra i libri più recenti, un ciclo di volumi dal titolo Il mestiere dell’artista, editi da Sellerio, che ripercorrono la storia dell’ arte italiana dal Trecento a oggi. Nel 2010, con l’editore Skira, è stata pubblicata l’opera da lui ideata su I Caravaggeschi, risultato di lunghi anni di lavoro in collaborazione con Alessandro Zuccari. Sempre nel 2010 sono stati pubblicati due imponenti volumi, il primo su Raffaello, edito da Scripta maneant, il secondo su Bronzino edito da Viviani. Gli interessi di Claudio Strinati oltre alle arti figurative comprendono anche la musica, di cui è grande esperto, tanto da curare una rubrica settimanale sul Venerdì di Repubblica.

 

Un viaggio nella casa di Ortega…

 

Prima di arrivare al palco ho intervistato il Prof. Strinati per darvi l’idea della personalità e del carisma….

Con i Saluti Istituzionali il Sindaco Ferdinando Palazzo ha aperto la cerimonia. A seguire sono intervenuti: il Direttore del Museo Ortega, la dottoressa Anna Maria Vitale, il curatore del Premio, l’avv. Franco Maldonato e il curatore di Equinozio d’Autunno, il Vicesindaco Pasquale Sorrentino.

 

 

Fra il nutrito pubblico intervenuto, il vescovo della Diocesi di Teggiano-Policastro S.E. Mons. Antonio De Luca e personalità del mondo della Cultura e della Politica.

Il prof. Strinati riceve il “Premio Ortega 2017” per la seguente motivazione…

 

 

Dopo la consegna del riconoscimento al Prof. Strinati, l’illustre critico ha intrattenuto la folta ed attenta platea con una interessantissima Lectio Magistralis sul tema “La pittura civile di Ortega nel realismo sociale del ‘900”.

Descrivere ciò che si avvertiva nell’aria e riassumere la “lezione” sminuirebbe l’incanto e la magnificenza del momento vissuto. Un pensiero che piu’ di tutti mi ha colpito e che conserverò con cura è quando trattando dell’estetica del novecento ha parlato della Triade che appartiene a taluni uomini e che in essa confidano con grande sensibilità per tutta l’esistenza: Arte, religione e filosofia.

Prima di concludere vorrei ricordare in breve la figura di Ortega non descrivendo chi fu…(in rete ognuno può ricercare e approfondire) ma con un suo pensiero, a proposito del motivo per cui scelse Bosco e il Cilento come luogo per vivere..: “Qui sono venuto a costruire un pezzetto di libertà. Lavorare in queste terre, significa osservare e imparare costantemente, per portare poi con noi qualcosa di veramente puro e genuino che valga la pena di aver assimilato. Ci sono dei momenti nella vita dei popoli, in cui gli artisti sentono che un’ arte a contenuto rivoluzionario è una necessità. Quindi non più l’ arte per l’ arte. Noi poeti, musicisti, pittori, noi creatori d’ arte… contro coloro che predicano il disimpegno e l’ evasione… sentiamo che il popolo ha bisogno di forme artistiche che chiamino all’ unione per restituire libertà e democrazia al paese”.

La serata è continuata all’insegna della musica. Scriveva Victor Hugo:”La musica esprime ciò che non può essere detto in parole e che non può rimanere silente.

Con la stima di sempre auguro buon equinozio d’autunno a tutti!

Angelo RISI

Continue Reading

Standing ovation al cine-teatro “La Provvidenza” di Vallo della Lucania per Giusy Armida e la sua scuola – A conclusione di serata il Musical “Pinocchio”

E’ il secondo anno consecutivo che partecipo al saggio finale della scuola di danza di Giusy Armida…l’anno scorso con il musical “Il gobbo di Notre Dame”…

 

questo anno con “Pinocchio”.

Quando è iniziata questa nuova avventura ero già emozionato…la favola di Pinocchio è coinvolgente.

In tutta sincerità per la mia indole avrei voluto impersonare “Pinocchio”…ma capirete che per l’età e per il cast formato da ragazzi…mi è toccato “Geppetto”. Come d’abitudine ho cercato di capire il “personaggio”. Rileggendo la favola… mi è apparsa la figura di Geppetto: povero vecchio, totalmente dedito al “figlio” scapestrato, secondo la visione tradizionale.

Mi sono convinto che all’inizio, quando si mette all’opera per costruire Pinocchio, i suoi intenti sono tutt’altro che nobili: vuole costruirsi un burattino che gli faccia compagnia. Che è poi la motivazione più o meno inconscia di molti genitori quando procreano.

Nella storia…un continuo parallelo bambino-burattino…come se Collodi volesse farci riflettere sulle nostre aspettative genitoriali: da un lato vorremmo poter controllare i bambini come fossero burattini, dall’altro li vorremmo intraprendenti ed “autonomi” al più presto. Poi, di fatto, questo burattino-bambino è dotato per sua fortuna di notevole iniziativa.

“C’era una volta… – Un re! – diranno subito i miei piccoli lettori. No ragazzi, avete sbagliato: c’era una volta un pezzo di legno.”

(Carlo Collodi, incipit de “Le avventure di Pinocchio”)

 

Vi è una lettura in questa favola, tradotta in 240 lingue, saggi, film, rappresentazioni teatrali…una lettura che è quella di un burattino di legno nelle mani del mondo…in un sistema oppressivo ancorato alle consuetudini e alla conservazione. Pinocchio in carne ed ossa è l’umano che ha trovato le proprie peculiarità. Ha lasciato alle spalle il passato statuario decidendo di affrontare il futuro a viso aperto. Non ha bisogno di tutori…ha voglia di mettere alla prova le sue energie vitali, le sue capacità intellettuali e le sue virtù sentimentali. Collodi ha creato il primo autentico uomo moderno. E’ sicuramente per questa “lettura” della favola e per il fatto che non ho mai “ammazzato” il “fanciullo” che è in me…

Pascoli afferma, riprendendo un mito platonico (cfr. Platone, Fedone, 77d-78b): “È dentro noi un fanciullino che non solo ha brividi …ma lagrime ancora e tripudi suoi”. È dunque una voce nascosta nel profondo di ciascun uomo, che si pone in contatto con il mondo attraverso l’immaginazione e la sensibilità. In tal modo, scopre aspetti nuovi e misteriosi, che “sfuggono ai nostri sensi e alla nostra ragione”.

Si …è per questo che mi sarebbe piaciuto interpretare “Pinocchio”. Ciò non è stato possibile per i motivi espressi…ma Giusy Armida si è ritrovata ad “educare” persino me.

Lei …insegnante con il “cuore”…difatti mi ricorda molto la “maestrina dalla penna rossa” di Edmondo De amicis (Con il libro Cuore la letteratura italiana si arricchisce del romanzo di formazione più famoso e funzionale conosciuto, insieme al Pinocchio di Collodi). La maestrina dalla Penna Rossa – così chiamata per la penna rossa che orna sempre il suo cappello è diventata una figura emblematica nell’immaginario dei lettori, è cioè l’immagine della maestrina dedita ai suoi studenti. Giusy non ha la penna rossa ma si dedica ai suoi allievi con tutta l’anima…ha una sensibilità fuori dal comune…si commuove per i successi dei suoi ragazzi.

Mi sento legato a lei da un affetto paterno…ed è per questo che non riesco mai a dirle di no…lei è inflessibile nel suo ruolo…riesce a tirare fuori il meglio da ognuno…persino da uno come me…combattuto tra “Pinocchio” e “Geppetto”.

I risultati si sono visti con il saggio di fine anno della sua scuola. Abbiamo visto danzare i suoi allievi come farfalle sulle magiche note di un sogno… avvertendo la passione per un arte che esprime la bellezza della musica.

La danza, arte performativa che si esprime nel movimento del corpo…coreograficamente e con tutta la sensibilità dell’anima.

Nel musical…ho avvertito il calore…

Chi fa teatro ha bisogno di sentire il calore..il vostro mi è arrivato diritto al cuore. Noi tutti…adulti, ragazzi e bambini ci abbiamo messo l’anima. ..ci siamo divertiti e sono convinto che vi siete divertiti.

 

Un ruolo fondamentale in questo “viaggio culturale” è dell’intera famiglia di Giusy e dei suoi collaboratori che non si risparmiano…donano tutte le loro energie per regalare la magia di una serata.

Un ringraziamento al pubblico del Teatro “La Provvidenza” di Vallo della Lucania che anche questo anno con una standing ovation ha mostrato la sua approvazione alla qualità particolarmente elevata dello spettacolo e mostrando grande referenza e apprezzamento verso la professionalità e le doti umane di Giusy Armida.

 

A voi tutti giunga il mio abbraccio…con la stima di sempre!

Angelo RISI

(foto di Fabrizio Di Siervi, Angelo Duminuco, Giusy Dumi e Attilia Jen Maiese)

Continue Reading

Fondazione “Pietro De Luca” – Terza edizione “Foto e Corti dal Cilento”

 

Ho seguito, presso il Cine-Teatro “Tempio del Popolo”di Policastro Bussentino, l’evento conclusivo del Premio Pietro De Luca 2017 “Foto e Corti dal Cilento”, con la proiezione delle Opere premiate, preceduta da un pubblico dibattito su “Immagini e Territorio”.
Nato con l’intenzione di dar luogo ad una rassegna di Fotografie e Cortometraggi strettamente legata al territorio e alle sue peculiarità, il Premio Pietro De Luca – III Edizione 2017, ha visto la partecipazione di tutti coloro che hanno voluto raccontare le bellezze storiche, artistiche e culturali, i riti, i volti e le tradizioni del Cilento.
L’obiettivo è quello di promuovere il Cilento tramite questi osservatori dell’immaginario collettivo e del nostro territorio quale fonti di stimolo e di sviluppo soprattutto utili per le nuove generazioni.

Ha presentato l’attrice e giornalista Cinzia Ugatti, hanno preso parte alla serata il fotografo Antonio Barrella, il regista Frèdèric Lachkar, il giornalista Gaetano Bellotta e il Presidente dell’Archivio Audiovisivo Vincenzo Maria Vita.

Intermezzi musicali a cura del maestro Vincenzo Bilo al violino e del duo Astone/Natalino Baldassarri.

E’ stato presente con un messaggio audio il regista Mario Martone …a seguire la proiezione di un suo cortometraggio dal titolo “Pastorale Cilentana”.

La manifestazione è terminata con la proiezione dei tre cortometraggi giunti in finale e la premiazione dei vincitori.

Per la sezione “Foto” è risultata vincitrice Rachele Furiati.

La foto vincitrice…”é il frutto dell’emozione e della devozione che ogni anno pervade le strade di Vibonati, durante la processione di Sant’Antonio Abate”.

Il vincitore della sezione “Corto”: Domenico Flora con il cortometraggio dal titolo “Ricordami di dove sono”.

La Fondazione Pietro De Luca, nata nel 2013, per volontà dei genitori Vincenzo e Mariagiacoma Gagliardo in omaggio alla sensibilità e alle aspirazioni del figlio Pietro De Luca, scomparso prematuramente, innamorato del Cilento, rappresenta un luogo di promozione della conoscenza del territorio, delle tradizioni, della cultura, della musica cilentana.

Personalmente non conoscevo Pietro…incuriosito dalla sua figura…ho ascoltato delle testimonianze di chi lo conosceva bene…dell’amore che provava per il luogo…per la terra cilentana. Mi è bastato ascoltare…per conoscerlo. Non mi dilungo…evidenzio appena la raffinatezza della manifestazione “Foto e Corti dal Cilento”…curata con Amore dai genitori e dai fratelli di Pietro… E’ la continuazione di quell’amore verso il territorio…è un inno alla vita. Delicato e nobile il messaggio sociale della Fondazione…poche parole…che empaticamente…ogni essere dotato di grande sensibilità sa cogliere…nella loro grandezza. Grazie Pietro a nome del territorio.

Vi abbraccio tutti con la stima di sempre.

Angelo Risi

Continue Reading

Primo anniversario gemellaggio Celle di Bulgheria/Veliki Preslav… racconto di un Blogger

Miei cari lettori:

Un blogger è colui che racconta eventi, luoghi e quant’altro. I racconti diventano strumento di promozione. Non essendo io a libro paga di nessuno, in piena libertà e per onestà intellettuale racconto sempre ciò che vedo…che colgo. Ho fatto di questo modus operandi il mio stile di vita e di blogger.

Generalmente i miei racconti sono brevi…questa volta un po di meno… ma è necessario per descrivere al meglio e notiziarvi sulla manifestazione che ho seguito con partecipazione ed entusiasmo. Mi scuso anticipatamente per la lungaggine del racconto… ma se avrete la pazienza di leggere fino in fondo capirete i motivi.

Correva l’anno 1988 quando l’Amministrazione Comunale di Celle di Bulgheria allacciava i primi rapporti con l’Ambasciata di Bulgaria in Italia…scambi culturali…una sorta di “viaggio a ritroso nei tempi che furono”…alla ricerca di “orme” che tra mito e verità conducessero alla “scoperta” di identità comuni ai due popoli.

Già in quell’anno vi fu una prima visita ufficiale dell’Ambasciatore di Bulgaria ( padre dell’attuale S.E. Marin Raikov). Conservo memoria della visita in quanto da sempre appassionato di arti sceniche, in quella occasione recitai “L’uomo dal fiore in bocca” di Luigi Pirandello.

Dopo oltre un ventennio, con cambi di Amministrazioni e di Ambasciatori, si sono intraprese le relazioni che hanno consentito di formalizzare, lo scorso anno, un gemellaggio con Veliki Preslav.

Preslav fu la Capitale del primo impero Bulgaro dall’893 al 972 e una delle più importanti città dell’Europa Balcanica medioevale…oggi sito archeologico. La moderna Veliki Preslav è una cittadina della regione del Sumen – un preesistente villaggio assunse il nome della capitale medioevale nel 1878 e divenne città nel 1883.
Vi è dato sapere il perchè avviene un gemellaggio:
per interessi comuni da tutelare, perché la cultura dell’una coincide in gran parte con la cultura dell’altra…quando due comunità, scoprendo reciproci interessi, cercano un ideale di fratellanza.Il gemellaggio è l’espressione di un’unità e di un’identità europea costruita dalla gente comune ed è probabilmente la forma più visibile di cooperazione europea, con le migliaia di città e paesi che, all’ingresso nel loro territorio, dichiarano con orgoglio le comunità con le quali si sono uniti in gemellaggio.Un buon accordo di gemellaggio può recare molti benefici a una comunità e alla sua amministrazione comunale. L’unione tra persone provenienti da diverse parti dell’Europa offre l’opportunità di condividere i problemi, di scambiare opinioni e di capire i diversi punti di vista su qualsiasi questione per la quale vi sia un interesse o una preoccupazione comune.Può consentire ai giovani di entrare in rapporti con le loro controparti di un altro paese e di acquisire fiducia in se stessi. Può aiutare tutti a capire meglio che cos’è e cosa significa l’Europa nel mondo di oggi e dove può portarci il futuro.Vi sono molti esempi di buone pratiche nell’ambito del gemellaggio, che riguardano una grande varietà di temi: l’arte e la cultura, i giovani, la cittadinanza, lo sviluppo sostenibile, i servizi pubblici locali, lo sviluppo economico locale, l’inclusione sociale, la solidarietà…Esso rappresenta un impegno a lungo termine tra i partner e non un accordo a breve termine. Dovrebbe essere sempre in grado di sopravvivere ai cambiamenti politici e alle difficoltà a breve termine di uno dei partner e di fornire sostegno reciproco in caso di bisogno. Ed essendo un impegno a lungo termine, è fondamentale garantire che l’accordo sia riesaminato regolarmente per assicurarsi che risponda alle esigenze presenti e rimanga attuale e dinamico.
Questo è un gemellaggio. Che condivido appieno foss’anche per il solo fatto che tutto il mio lavoro di Blogger mira alla promozione turistica del territorio. Il turismo è una fonte indispensabile alla piccola economia di ogni comprensorio. Nei miei scritti spesso vanto il tanto decantato “Cilento” …con la sua sacra ospitalità. Ma …ahimè…non sempre e non dappertutto è così. Tanti sono quelli che hanno paura del “colore” che sia nero o giallo o rosso…e paura di perdere il proprio “orticello”…o peggio ancora di vedere l’erba del vicino sempre più verde.
Ma andiamo avanti…al racconto di questi giorni:
Il 6,7 e 8 giugno in occasione del primo anniversario del gemellaggio Celle Bulgheria – Veliki Preslav abbiamo vissuto un momento culturale significativo per l’intero territorio.

Il tutto è iniziato con l’arrivo nel borgo cilentano dell’ambasciatore di Bulgaria in Italia Marin Raikov con una nutrita delegazione e con gli alunni delle scuole “Santi Cirillo e Metodio” e “Cernorisetz Hrabar” di Veliki Preslav , che si sono gemellate con quella della frazione Poderia. Durante l’anno scolastico per alcune ore i nostri alunni hanno studiato il Bulgaro…questo ha permesso di accorciare le “distanze” e comprendere meglio i loro coetanei di nazionalità Bulgara. Il corpo docente avendo con gli alunni preparata un’accoglienza…mi è stato chiesto di partecipare e così è stato.
Quasi un ricorso storico per me…già avendo recitato per l’ambasciatore- padre…per il figlio ho interpretato “L’oliveta e l’orto” di Giovanni Pascoli…che riporto:
E come li amo que’ miei quattro olivi,
che al potatoio (sono morinelli)
gridano ogni anno: ― Buon per te, se arrivi!
Nonno di nonno li piantò; ma quelli
buttano ancor la mignola, mentr’esso
da un po’ non sente cinguettar gli uccelli!
E ne vengono, sì, sopra il cipresso
là, verso sera! Ed esso è là; ma sento
che verso sera è qui con noi, qui presso.
Tra lusco e brusco, egli entra lento lento,
venendo bianco dalla vita eterna,
e versa l’olio con un viso attento.
È lui, che il nostro lume anco governa
con que’ suoi vecchi olivi: e quando l’Ave
maria rintocca, e splende la lucerna,
― Filate, o donne, ― mormora ― da brave!
E come l’amo il mio cantuccio d’orto,
col suo radicchio che convien ch’io tagli
via via; che appena morto, ecco è risorto:
o primavera! con quel verde d’agli,
coi papaveri rossi, la cui testa
suona coi chicchi, simile a sonagli;
con le cipolle di cui fo la resta
per San Giovanni; con lo spigo buono,
che sa di bianco e rende odor di festa;
coi riccioluti cavoli, che sono
neri, ma buoni; e quelle mie viole
gialle, ch’hanno un odore… come il suono
dei vespri, dopo mezzogiorno, al sole
nuovo d’Aprile; ed alto, co’ suoi capi
rotondi, d’oro, il grande girasole
ch’è sempre pieno del ronzìo dell’api!
E amo tutto: i vetrici ed i salci,
che ripulisco ogni anno d’ogni vetta
per farne i torchi da legare i tralci;
quella fila di gattici soletta,
alta e lunga, su cui cantano i chiù;
il canneto che stride e che scoppietta:
ma non sapete quello ch’amo più.

Che dire? E’ il mio mondo.Il mio modo di essere…ma …con lo sguardo rivolto verso “nuovi orizzonti”.

Nella mattinata del sette giugno un tour alle falde del Monte Bulgheria in bicicletta.
A dare la partenza è stato direttamente il sindaco Gino Marotta.

Ricorrendo il sette l’anniversario dello svelamento della statua del Principe Altzeco la fondazione Vazdigane donataria ha organizzato delle rappresentazioni in costume bulgaro …quasi a far rivivere gesta eroiche dei tempi andati. Da cornice al parco una esposizione di quadri raffiguranti scene eroiche e luoghi cari al popolo Bulgaro…significativo un dipinto dove è stato raffigurato Khan ( duca) Alzeco alle falde del Monte Bulgheria.

 

 

 

 

 

Tra gli eventi in programma un incontro istituzionale sulle “opportunità” per il territorio e il suo sviluppo presso l’auditorium comunale alla presenza dell’assessore regionale Corrado Matera e dell’ambasciatore…che in tale occasione, ha consegnato al sindaco Gino Marotta la decorazione d’onore “Ramoscello di lauro d’oro”, la più alta onorificenza della Repubblica di Bulgaria.

A conclusione della tre giorni si è tenuto presso l’Happy Village di Marina di Camerota un incontro tra l’ambasciatore e gli operatori turistici locali a seguire il sindaco di Centola Carmelo Stanziola ha accolto la delegazione diplomatica e ha mostrato loro le bellezze naturali presenti sul territorio. La manifestazione si è conclusa a Celle di Bulgheria con una rappresentazione degli studenti del locale istituto scolastico e una partita di calcetto fra gli alunni delle due nazionalità.
Essendo cellese…ed essendo un blogger con intenti che collimano con quando manifestato dalle volontà delle parti gemellate…ho sentito il bisogno di partecipare come parte attiva.
Già in un mio articolo datato marzo 2016 che troverete nel blog scrivevo:
Un territorio inteso come “cultura”, va sostenuto attraverso la tutela, la valorizzazione e la promozione delle molteplici attività che sono alle radici del suo “patrimonio” e ne costituiscono l’articolata espressione. Con questo “intento”, nella comunicazione e nella partecipazione e’ di fondamentale importanza l’approfondimento di aspetti essenziali della storia dello stesso, come gli idiomi e le tradizioni popolari a volte poco conosciuti dalle generazioni più giovani ma comunque destinati a suscitare interessi e stimoli utili a comprendere il presente nei prescindibili legami col passato. Comunicare quindi con conoscenza e consapevolezza e’ la base necessaria per essere credibili. La valorizzazione del patrimonio va attuata anche attraverso il coordinamento delle attività e delle forze Culturali ed Istituzionali esistenti sull’intero territorio. Purtroppo, spesso, questo non accade, in quanto il campanilismo e l’individualismo con tutte le sue “sfumature caratteriali” prende il sopravvento, con la inevitabile conseguenza di una decrescita culturale.
E’ deludente constatare che taluni non riescono a guardare oltre il proprio orticello.
Chi vi scrive ha avuto il coraggio di superare i “personalismi”…ha intuito e sa riconoscere la lungimiranza.
Per aprire “nuovi orizzonti” ci vuole coraggio e cultura. Auspico, occasioni di maggior confronto e creazione di una rete di relazioni che ci veda tutti coinvolti in un progetto di bene comune.

Giungano vive congratulazioni al Sindaco Gino Marotta per l’alta onorificenza ricevuta e il mio plauso all’intera amministrazione comunale e a quanti hanno collaborato alla promozione del territorio e dei rapporti umani.
Nessun Santo … (che festeggiamo per poi “gabbare”) può intercedere per noi presso Dio… che unisce e non divide.
Konrad Adenauer scriveva : “ L’unità dell’Europa era un sogno di pochi. È stata una speranza per molti. Oggi è una necessità per tutti”.
Ringrazio vivamente per le foto Anna Ida Guida e Giannina Di Bello.
Vi abbraccio tutti in particolare i fratelli Bulgari che spero di incontrare presto!
Con la stima di sempre!
Angelo RISI
Continue Reading

Riflessioni sul gioco” BLUE WHALE CHALLENGE” tra “ lo strappo di un pelo e un altro”…dolore per me atroce.

I social rappresentano un cambio culturale … tramite essi il “popolo del web” apprende, legge e condivide informazioni e contenuti. La tecnologia ha quindi facilitato le comunicazioni da un capo all’altro del mondo. Sociologicamente i social trasformano il “monologo” in “dialogo” …avviene, pertanto, una democratizzazione dell’informazione che trasforma le persone da fruitori di contenuti ad editori. Consentono quindi di stabilire relazioni di tipo personale nonché lavorativo. I media sociali vengono definiti anche user-generated content o consumer-generated media.

Premesso questo…chi comunica tramibe web ha bisogno di essere credibile…chi condivide e usa contenuti deve essere informato e tutelato…deve fidarsi.

L’immagine è il nostro primo biglietto da visita: è scientificamente provato che nei primi secondi di conoscenza le persone si fanno una idea pregiudiziale di noi e questa idea passa prima di tutto dall’immagine. Una immagine coerente con il messaggio che vogliamo proporre lo rafforza, al contrario invece potrebbe esserci una distonia difficile da superare con una “seconda impressione”. L’immagine sbagliata potrebbe anche ritorcersi contro di noi e il nostro lavoro. L’immagine coerente deve passare da fuori a dentro la rete.

Per quanto detto diventa fondamentale apparire con una immagine curata…che rassicura. La nuova tendenza, sfatando vecchi tabù, vede anche l’uomo prendersi cura del suo aspetto estetico…cosa che faccio anch’io non curante delle cinquanta primavere e più che conto. Proprio ieri affidandomi alle cure estetiche – che miracoli non fanno se non rendere più gradevole le foto che pubblico sui social – dicevo che proprio in quel momento tra “ lo strappo di un pelo e un altro”…dolore per me atroce ( ma come recita un vecchio detto: “ chi bellu voli parì peni e guai adda suffrì”) riflettevo su quello che da qualche giorno abbiamo appreso attraverso una trasmissione televisiva ( Le Iene) e precisamente del BLUE WHALE CHALLENGE…e realizzavo la pericolosità del web…e l’ingenuità di tanti adolescenti che fidandosi di chi una “immagine rassicurante” non ha, seguono e “vivono” dei giochi tendenzialmente pericolosi per la sanità mentale e per la vita stessa.

In cosa consiste questo gioco della morte? Quali regole ci sono e perchè ha così presa sui ragazzi? Dietro a questo Blue Whale Challenge si nascondono persone in grado di manipolare la mente di adolescenti e studenti che si fanno chiamare “curatori” o “tutor”. Sono loro che dettano le regole del gioco mortale. A seguire riporto quanto viene ordinato ( ovviamente sono regole recuperate dal web):

1- Incidetevi sulla mano con il rasoio “f57” e inviate una foto al curatore

2 – Alzatevi alle 4.20 del mattino e guardate video psichedelici e dell’orrore che il curatore vi invia direttamente

3 – Tagliatevi il braccio con un rasoio lungo le vene, ma non tagli troppo profondi. Solo tre tagli, poi inviate la foto al curatore

4 – Disegnate una balena su un pezzo di carta e inviate una foto al curatore

5 – Se siete pronti a “diventare una balena” incidetevi “yes” su una gamba. Se non lo siete tagliatevi molte volte. Dovete punirvi

6 – Sfida misteriosa

7 – Incidetevi sulla mano con il rasoio “f57” e inviate una foto al curatore

8 – Scrivete “#i_am_whale” nel vostro status di VKontakte (VKontakte è il Facebook russo, ndr)

9 – Dovete superare la vostra paura

10 – Dovete svegliarvi alle 4.20 del mattino e andare sul tetto di un palazzo altissimo

11 – Incidetevi con il rasoio una balena sulla mano e inviate la foto al curatore

12 – Guardate video psichedelici e dell’orrore tutto il giorno

13 – Ascoltate la musica che vi inviano i curatori

14 – Tagliatevi il labbro

15 – Passate un ago sulla vostra mano più volte

16 – Procuratevi del dolore, fatevi del male

17 – Andate sul tetto del palazzo più alto e state sul cornicione per un po’ di tempo

18 – Andate su un ponte e state sul bordo

19 – Salite su una gru o almeno cercate di farlo

20 – Il curatore controlla se siete affidabili

21 – Abbiate una conversazione “con una balena” (con un altro giocatore come voi o con un curatore) su Skype

22 – Andate su un tetto e sedetevi sul bordo con le gambe a pensoloni

23 – Un’altra sfida misteriosa

24 – Compito segreto

25 – Abbiate un incontro con una “balena”

26 – Il curatore vi dirà la data della vostra morte e voi dovrete accettarla

27 – Alzatevi alle 4.20 del mattino e andate a visitare i binari di una stazione ferroviaria

28 – non parlate con nessuno per tutto il giorno

29 – Fate un vocale dove dite che siete una balena

dalla 30 alla 49 – Ogni giorno svegliatevi alle 4. 20 del mattino, guardate i video horror, ascoltate la musica che il curatore vi mandi, fatevi un taglio sul corpo al giorno, parlate a “una balena”

50 – Saltate da un edificio alto. Prendetevi la vostra vita.

A detta degli “esperti” alcune di queste regole, le prime almeno, sono assurde, ma più si va avanti nella Blue Whale Challenge che dura 50 giorni, più tutto sembra veramente ai limiti della sopportazione. Eppure i ragazzi che iniziano questo gioco finiscono in un turbine di dipendenza in grado di spingerli a compiere gesti folli come il suicidio.

Ritornando a me…allo strappo dei peli…al dolore da sopportare…mi chiedevo: Come può una mente seppur giovane farsi manipolare al punto da sopportare dolori lancinanti e arrivare al punto da togliersi la vita?

Mi ponevo questa domanda per ovvie ragioni: non solo per comunicare a quanti di voi mi leggono che esiste questo “problema”…ma soprattutto perchè il mio ruolo sociale e lavorativo quasi me lo obbliga…un obbligo morale …umano…ovviamente.

Proprio ieri in uno stato di facebook scrivevo:”Ho capito di aver vinto l’ansia …quando ho acquisito la consapevolezza che niente e nessuno mi appartiene…e che io appartengo a me stesso.”

A voi giovani vi supplico di “appartenervi”. La vita non è facile per nessuno…quante volte anch’io come tutti…per svariati motivi mi sono ritrovato all’inferno ( metaforicamente parlando è ovvio) e attraversandolo …lottando…sono riuscito a vedere il sole.

E a me e Voi genitori invito a vigilare sui “nostri” figli…alle volte così fragili. E’ vero anche che la nostra generazione paga lo “scotto” di doversi abituare alle nuove tecnologie…che spesso ci sfuggono di mano…per l’uso improprio e smisurato. E’ vero che non vogliamo negare niente ai nostri figli. Ma abbiamo l’obbligo morale di tutelare e salvaguardare la vita e la sanità mentale nostra e dei nostri adoloscenti.

I tempi sono cambiati è vero…ciò che un tempo era tabù oggi è normale (esattamente come il mio curare le arcate sopraccigliari o il manicure)…perfino l’omofobia tende a scomparire. In questo cambiamento culturale per tanti versi positivi seguiamo nella crescita i nostri giovani…lasciamo che si fidino…di noi e delle “immagini” che vanno curate fuori e dentro…diamo messaggi e soprattutto esempi di vita.

Con la stima di sempre!

Angelo RISI

 

Continue Reading

Palinuro – 29 e 30 aprile: Rassegna delle infiorate artistiche

 

 

Il comune di Centola ha dato il benvenuto alla primavera…organizzando alla frazione Palinuro una Rassegna delle Infiorate artistiche.

 

Non potevo non visitare questa manifestazione…per motivi ovvi: per quanto cerco di raccontare in questo blog…per quanto anche questa forma di arte mi emoziona e mi appassiona.

 

Non è facile descrivere ciò che ho provato …una esplosione di fiori e di colori…un’arte che cura la bellezza e l’amore per la natura…una miscela di sacro e profano…di mito e storia.

I profumi del luogo si sono mescolati alla fede religiosa…aspetti genuinamente popolari e immediati …la capacità di esprimere con i fiori le proprie emozioni e i propri sentimenti di fronte al mondo che cambia.

 

Dove e quando è nata la tradizione dell’Infiorata?

La risposta ce la dà il gesuita Giovan Battista Ferrari, senese, nel suo ”De florum cultura” pubblicato in latino nel 1633 e in una seconda edizione in italiano nel 1638. Il Ferrari ci descrive con dovizia di particolari la prima infiorata fatta in Vaticano il 29 giugno 1625 in occasione della festa di S. Pietro e Paolo:”Ad usi più nobili gli stessi fiori, sfrondati e sminuzzati (..) contraffanno le più nobili pitture ne’ colori e nel resto dell’apparenza. Non ha più di tredici anni che una tal foggia di pittura per la prima volta ci rappresentò Benedetto Drei soprastante alle masserizie della fabbrica vaticana, poscia seguito ogni anno di fare unitamente col figliolo Pietro Paolo (..)” L’autore descrive poi i fiori adoperati per ottenere i vari colori: ”rappresenterà la carnagione della faccia bruna il garofano ricamato. La rosa dipingerà le guance (…) formerà le pupille degli occhi il fiore scuro, che dal turchino tira al nero, chiamato giacinto botriode, cioè fatto a grappoli, ò comato il minore (..)

La prima infiorata allestita per la festività del Corpus Domini risale al 1778 (anno in cui vennero allestiti alcuni quadri floreali nella via Sforza di Genzano) oppure al 1782  (anno in cui un tappeto coprì l’intera via senza soluzione, di continuo). Da allora le località in cui si allestiscono infiorate in occasione nella ricorrenza del Corpus Domini sono numerose, specialmente dell’Italia centrale, ma anche dell’estero.Fra quelle fuori Italia merita di essere ricordata l’infiorata dell’Orotava, nelle Isole Canarie, in quanto i quadri sono ottenuti con la posa di erbe colorate, anziché petali di fiori. In alcune località non italiane (per es.,Kobe, in Giappone) da qualche anno si allestiscono infiorate sul modello di quelle tradizionali, ma prive di legame con le festività religiose cristiane.

 

Che coincidenza il rintocco delle campane…da sottofondo a questi video…rintocchi quasi a voler espandere nell’aria della località rivierasca il profumo di tutti quei petali adagiati sul lastricato della piazza.

 

 

 

I Maestri infioratori, e le loro opere, mirano dunque a raccontare eventi riguardanti l’arte, la religione, la storia e il folklore del territorio e del mondo, mantenendo sempre uno stretto rapporto con importanti temi di attualità e mostrando quindi il vitale nesso tra la conservazione e l’innovazione, tra radici e futuro.

Alcuni particolari…

Una piazza quella di Palinuro …che ha sensibilizzato i “cuori”…ha reso più belle le nostre “anime”…ha evidenziato tutto un “mondo” da rispettare e trasmettere alle future generazioni…un mondo di arte, di bellezza, di cultura e di natura.

Con la stima di sempre!

Angelo RISI

Continue Reading

“Strategie digitali per promuovere il territorio – Web Markenting Solution”…“pensare globalmente agire localmente”

Si è tenuto in Sapri un incontro con Cristiano Carriero, esperto di web marketing, che ha presentato il suo libro “Local Marketing-strategie per promuovere e vendere sul territorio“, coautore del libro: Francesco Antonacci. Sono intervenuti l’avvocato-scrittore Franco Maldonato ( presidente dell’Associazione Culturale OltrePisacane e coordinatore del progetto”Terre del Bussento”, il dirigente scolastico Corrado Limongi (Istituto Leonardo Da Vinci di Sapri). L’incontro moderato da Francesco Lombardi è stato organizzato nell’ambito del progetto “Terre del Bussento” da Cicas Turismo di cui è presidente Matteo Martino. Il progetto “Terre del Bussento” presentato alla Borsa del Turismo di Milano ha l’intento di accreditare una nuova immagine del Golfo di Policastro, pertanto, è necessaria la elaborazione della proposta progettuale attraverso una nuova comunicazione… una comunicazione innovativa…giusto titolo dell’incontro: “Strategie digitali per promuovere il territorio – Web Markenting Solution”.

Cristiano Carriero è un giornalista e un blogger, nel suo libro tratta delle “ragioni” per cui è importante per le attività locali essere presenti on line. Nel testo, affronta le tematiche in maniera strategiche, in termini strutturali e professionali…guardando da varie angolazioni: sia in ottica Seo (Search Engine Optimization -che si intendono, nel linguaggio di internet, tutte quelle attività volte a migliorare la visibilità di un sito web sui motori di ricerca), sia di content marketing e storytelling (veri pilastri nelle attuali strategie di marketing, il Content Manager e lo Storyteller sono ormai figure professionali imprescindibili per ogni azienda).

Ritengo sia doveroso per i non addetti, evidenziare cos’è il marketing…

In senso tecnico il termine “marketing” fa riferimento ai rapporti di scambio che avvengono sul mercato. Il termine inglese marketing, infatti, contiene il sostantivo “market” (mercato), il verbo “to market” (piazzare sul mercato) e il sostantivo verbale “marketing” (l’attività di operare sul mercato). Mercato inteso come luogo in cui si realizzano scambi di beni o servizi tra l’offerta (il venditore) e la domanda (chi necessita di qualche bene/servizio).

Fare marketing significa quindi ascoltare, interagire, trasmettere valore e comunicare con i clienti (coloro che comprano i prodotti/servizi) e consumatori (coloro che utilizzano i prodotti/servizi), studiarne i bisogni e le preferenze per riuscire a soddisfarli nel modo migliore, instaurando una relazione duratura e proficua per entrambi (azienda e consumatore). Ed è il consumatore, quindi, con i suoi bisogni e desideri, ad essere il perno attorno cui ruota il marketing.

Detto questo è conseguenziale che il web diventa il mezzo con cui si può promuovere il prodotto o come in questo caso si vuole promuovere il territorio.

L’incontro di ieri sera a Sapri sicuramente è stato un momento di approccio con tutto un “mondo nuovo” per il nostro territorio…ma è un mondo quello del web in continua evoluzione. Star al passo con le nuove tecnologie mediatiche è fondamentale per chi opera nel settore della ricezione, del turismo, delle comunicazioni…per chi ha voglia ed energie da impiegare al servizio della “crescita” economica e culturale. L’incontro alquanto esaustivo si è rivelato interessante per tutti noi.

Mi piace evidenziare uno slogan citato da un relatore: “pensare globalmente agire localmente”…che racchiude un pensiero filosofico importantissimo per gli “operatori” dell’intero comprensorio.

Mi piace evidenziare, altresì, il “pensiero” di Carriero che invita a “raccontare” la “storia” in modo tale da dare al “pubblico” una sensazione di onestà e di genuinità. Invita ad essere autentici. E che siano gli “operatori mediatici” del posto a consigliare e ad accompagnare il “consumatore“.

 

Mi congratulo e ringrazio tutti gli organizzatori… e Cristiano Carriero per la validità dell’incontro che ha significato un “passo nuovo” verso “nuovi orrizzonti”…per la promozione del nostro territorio.

Con la stima di sempre.

Angelo RISI

Continue Reading