Una sera a teatro…con gli “Artisti Cilentani Associati” – “1828 LA RIVOLTA DEL CILENTO”

 

In una tiepida sera di giugno…la voglia di uscire era tanta, due le opzioni, una passeggiata al chiaro di luna o una serata a teatro?

Titubante…alla fine ho scelto il teatro. Mi sono recato all’Auditorium comunale “Arch. Giuseppe Guida”, dove era in programma “1828 LA RIVOLTA DEL CILENTO” della Compagnia Artisti Cilentani Associati di Pisciotta. In scena: Giuseppe Brancato, Vincenzo Albano, Gennaro Ciotola, Paolo Puglia, Marco Mondi, Danilo Napoli, Rosita Celenta, Giovanna Navarra, Simona La Porta, Alina Di Polito (regista-attrice). Direttore artistico: Mauro Navarra. Il mio paese conserva una lunga tradizione teatrale, una cultura, almeno così pensavo. Non avendo mai visto alcun lavoro della suddetta compagnia, sebbene la fama mi fosse arrivata tramite stampa locale e nazionale e recensioni, ieri sera è stata la prima esibizione che ho visto. Il rischio di non vederla è stato alto…se non fosse che nel teatro vigono delle regole. Una di queste è che lo spettacolo, generalmente, va tenuto anche in presenza di un solo spettatore. Per fortuna non ero solo, ma nemmeno eravamo in tanti. Vero è che si è creata una empatia tra i pochi spettatori presenti e gli attori. Una intimità, un tutt’uno, dove non è stato facile stabilire distanze e confini emozionali. Dal primo momento, come d’incanto, sono stato rapito e proiettato nella storia. Una storia che ho vissuto intensamente, trattandosi dei moti cilentani, pagine coinvolgenti e note a tutti. Promotore dei moti cilentani del milleottocentoventotto fu il canonico Antonio Maria De Luca, a cui proprio il mio paese, Celle di Bulgheria, diede i natali. Da subito mi ha colpito la professionalità degli artisti. La ricercata e raffinata gestualità, la dizione, la concentrazione. Una concentrazione mai venuta meno, sebbene in platea fossimo in pochi. A mio sommesso parere, uno spettacolo “pulito”, senza alcuna “sbavatura”. Un tema storico “alleggerito” da una trasposizione scenica mai monotona, e, da una sapiente regia a cura di Alina Di Polito, magistrale finanche nella sua interpretazione.

Lascio “parlare” alcune immagini e video dei momenti più salienti dello spettacolo.

 

 

 

 

 

 

Sento, dal profondo del cuore, il bisogno di congratularmi con l’intera compagnia “Artisti Cilentani Associati”. In particolare con Alina e Rosita Celenta, che già conoscevo e che in questa sede hanno riconfermato professionalità e doti umane di grande spessore.

Il teatro, come tutte le forme d’arte, è cultura, arricchimento, crescita.

Scriveva Arthur Schopenhauer:

“Non andare a teatro è come fare la toiletta senza specchio”.

E’ per questo, e, per il forte richiamo che viene dalla passione per le arti sceniche, che ho preferito trascorrere una serata a teatro, anziché una tranquilla passeggiata in una tiepida sera di giugno. Ho acquisito la consapevolezza che nel teatro, così come nella vita, c’è sempre da imparare. Guardarsi allo specchio (ritornando all’aforisma di schopenhauer) non sempre è atto di vanità o di sicurezza, ma occasione di riflessione per riconoscere eventuali inestetismi e provare a correggerli, oltre, ad essere occasione di confronto e di conoscenza di se e dei propri limiti…e quindi umiltà.

Vi abbraccio tutti con la stima di sempre.

Angelo RISI

(foto di Cristina GUIDA)

 

 

 

 

Continue Reading

” Il cammino della fede” – Uscite didattiche alunni Istituto agrario di Sapri – Santuario Maria SS. di Pietrasanta – San Giovanni a Piro (SA)

Come già scritto nei precedenti articoli, “Il cammino della fede” prevede quattro itinerari da percorrere con gli alunni dell’istituto agrario di Sapri. Sono tre le discipline scolastiche: scienze motorie, scienze religiose e scienze ambientali che vedono impegnati i relativi docenti nell’illustrare i percorsi e accompagnare gli alunni verso la conoscenza del territorio, del camminare quale stile di vita sano e mettersi in contatto con la propria sensibilità e religiosità. Questo di oggi è il terzo itinerario: Maria SS. di Pietrasanta a San giovanni a Piro (SA).

Il patrimonio storico e artistico di S. Giovanni a Piro comprende quindici cappelle che delineano un vero e proprio itinerario di fede. Tra tutte emerge, per posizione ed importanza, la Cappella dedicata a Maria SS. di Pietrasanta, situata all’incirca a 2 km dal centro abitato e a 650 mt. sul livello del mare.

Prima di visitare il Santuario si è deciso di fare una tappa al pianoro di Ciolandrea, ad accoglierci troviamo don Pietro Scapolatempo, che ci indica anche il percorso da seguire.

Il Pianoro di Ciolandrea è situato sulla sommità della Costa della Masseta. Un grande sguardo sul Golfo di Policastro, sulla costa lucana e quella calabra. Da qui è chiaramente visibile il Cristo di Maratea, e nelle giornate primaverili la sagoma dello Stromboli incornicia il paesaggio regalando ogni volta una nuova emozione. Oggi tutto questo non è possibile in quanto vi è foschia, ma è pur sempre uno spettacolo.

Nel mio girovagare mi imbatto in una coltivazione di lupini (Lupinus albus), una pianta della famiglia delle Fabaceae. Sono antichi legumi conosciuti fin dai tempi degli Egizi e dei Maya. Venivano coltivati già quattromila anni fa nelle regioni che si affacciano sul Mediterraneo, prima dai Greci e successivamente dai Romani.

A dar vita al luogo anche un gregge di capre.

 

Nell’ammirare il panorama non sono mancate domande da parte dei ragazzi …

A questo punto iniziamo il percorso trekking che ci condurrà al Santuario.

Ogni tanto una pausa…e una lezione in campo.

Ed ecco un nido di “processionaria”. Si tratta di un insetto altamente distruttivo per le pinete poiché le priva di parte del fogliame, compromettendone così il ciclo vitale. Inoltre, durante lo stadio larvale tale insetto presenta una peluria che risulta particolarmente urticante per vari animali, compreso l’uomo.

 

 

La processionaria del pino attacca tutte le specie del genere Pinus ma mostra una certa preferenza per Pinus nigra e Pinus sylvestris. L’insetto sverna allo stadio di larva di terza e quarta età all’interno dei caratteristici nidi sericei che vengono intessuti sui rami dei pini. In primavera le larve riprendono l’alimentazione cibandosi degli aghi di pino.

Di solito le larve sono attive solo la notte, mentre di giorno si trattengono al riparo nel nido. In primavera le larve sono molto voraci e causano forti defogliazioni.

Giunte a maturità le larve abbandonano definitivamente il nido e si dirigono lungo il tronco verso il suolo in lunghe file.

Lungo il percorso ruderi di vecchi ricoveri riportano a tempi andati.

E finalmente giungiamo a destinazione…ecco il Santuario di Pietrasanta.

Furono i monaci Basiliani del vicino Cenobio di S. Giovanni Battista a scolpire, verso il 1200, sulla monolitica punta del monte Piccotta, la statua della Madonna formando un solo corpo con la nicchia incavata nella pietra. La cappella rupestre con una piccola abside semicilindrica dedicata alla Vergine, capace di contenere in origine appena poche decine di persone, fu in seguito più volte ingrandita. Della costruzione originaria rimane, oggi, solo una parte dell’abside. L’edificio è costruito ad una sola navata e caratteristico ne risulta lo sviluppo non essendo allineata al presbiterio, in quanto questo fu realizzato sul fermo della roccia, ad occidente, su un piano irregolare. Alla chiesa sono annessi alcuni locali una volta utilizzati come abitazione. All’esterno, a sinistra, accanto alla sacrestia, sempre sul picco della roccia si eleva il campanile a tre piani, con due campane. A pochi passi sotto il campanile c’è una sorgente da sempre ritenuta miracolosa.

 

 

I ragazzi stanchi ma soddisfatti…

come è consuetudine…

consumano una nutriente colazione con i prodotti tipici del Cilento. E’ un momento di aggregazione, di scambi di opinioni…di amicizia.

Di fronte il monte Bulgheria che imponente ci sovrasta.

E mentre i ragazzi cominciano a radunarsi per rientrare a scuola…scopro una campana.

 

 

Il Santuario della Madonna di Pietrasanta, in San Giovanni a Piro, fu scelto come Luogo Santo per la celebrazione del Giubileo straordinario della Misericordia, durante l’anno Santo indetto da Papa Francesco, iniziato il giorno dell’Immacolata Concezione (otto dicembre) del duemilaquindici e conclusosi il venti novembre del duemilasedici.

Mi avvio alla conclusione di questo articolo…con queste parole del Santo Padre che in occasione dell’anno giubilare scrisse: “La vicinanza del Giubileo Straordinario della Misericordia mi permette di focalizzare alcuni punti sui quali ritengo importante intervenire per consentire che la celebrazione dell’Anno Santo sia per tutti i credenti un vero momento di incontro con la misericordia di Dio. È mio desiderio, infatti, che il Giubileo sia esperienza viva della vicinanza del Padre, quasi a voler toccare con mano la sua tenerezza, perché la fede di ogni credente si rinvigorisca e così la testimonianza diventi sempre più efficace” .

Vi abbraccio con la stima di sempre.

Angelo RISI

Continue Reading

” Il cammino della fede” – Uscite didattiche alunni Istituto agrario di Sapri – Santuario Maria SS. dei Martiri – Casaletto Spartano (SA)

“Il cammino della fede” prevede quattro itinerari da percorrere con gli alunni dell’istituto agrario di Sapri. Sono tre le discipline scolastiche: scienze motorie, scienze religiose e scienze ambientali che vedono impegnati i relativi docenti nell’illustrare i percorsi e accompagnare gli alunni verso la conoscenza del territorio, del camminare quale stile di vita sano e mettersi in contatto con la propria sensibilità e religiosità. Questo di oggi è il secondo itinerario: Maria SS. dei Martiri a Casaletto Spartano.

Lungo il percorso, ai bordi della strada, le primule di bosco…

ed eccoci all’edicola votiva …allo svincolo che conduce al Santuario.

 

Casaletto Spartano è un paese del Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano posto a 540 m s.l.m. Di origine medioevale il paese, secondo una leggenda locale, si sviluppò intorno all’antica contrada “Spartoso“, da cui potrebbe derivare il nome Spartano. L’abbandono del vecchio nucleo, sempre secondo questa vecchia leggenda, fu causato da un’invasione di formiche. Molto più verosimilmente il primo nucleo del paese sorse ai piedi del monte Difesa perché il luogo era ricco di acqua, essendo presenti in zona numerose sorgenti e un piccolo fiume.

Oggi Casaletto Spartano è costituito dai due principali centri abitati che sono la vicina frazione Battaglia ed il Capoluogo, più tutta una serie di contrade rurali, circa un trentina, sparse su tutto il territorio che ha una superficie complessiva di oltre 70.17 km². Casaletto Spartano e Battaglia sono divise dal corso d’acqua Rio di Casaletto e collegate tra di loro con alcuni sentieri. Il luogo maggiormente rappresentativo di Casaletto, è senz’altro “Il Capello“. Tale località si inserisce in un complesso sorgitivo contraddistinto da un elevato valore ambientale. La località prende il nome dalla cascata “Capelli di Venere” la cui denominazione deriva dalla rigogliosa crescita della pianta Capelvenere.

 Ma ritorniamo a noi…lungo il percorso trekking, non mancano “spunti” per delle lezioni in pieno campo.

Lungo la salita si comincia a raccontare della Madonna dei Martiri…La chiesa ha origini remotissime che si perdono nella notte dei tempi, la si crede eretta dai monaci Italo-Greci o Basiliani intorno all’anno mille. Nei primi anni del milleseicento, appaiono, tra i documenti antiche notizie più particolareggiate, sita in montagna in località Aria del Castello o anche sopra le Rocche, fu dedicata a Maria SS. dei Martiri per ricordare la Madre dei Dolori associata alla Passione di Cristo e dei Martiri del Cristianesimo nei primi secoli e specialmente dei cristiani perseguitati dai barbari e dai saraceni nei secoli nono e decimo.

Prima di arrivare al Santuario troviamo “LA VIA SACRA”, progetto nato da un’idea di Nino Iudici, con lo scopo di creare un percorso “di fede” per coloro che si recano al santuario della Madonna SS. Dei Martiri. Una Via Crucis che, per decoro e bellezza artistica, bene si inserisce nel contesto del Santuario e valorizza l’unica via di accesso. Le quattordici stazioni, ricostruiscono e commemorano il  doloroso calvario di Cristo. Ogni edicola è stata realizzata in muratura di pietra lavorata a vista, le immagini delle varie stazioni sono state realizzate mediante bassorilievo artistico su lastre di pietra del Cilento. I materiali scelti, oltre a garantire pregio all’opera e resistenza nel tempo, si inseriscono nel contesto paesaggistico circostante.

 

Ed eccoci arrivati. La chiesa ha subìto una serie di interventi, ma è soprattutto negli anni venti che è stata completamente restaurata; si presenta a tre navate, con tre porte di ingresso e sagrestia. L’antica icona in pietra della Madonna è risalente al quattordicesimo secolo. Davanti alla chiesa vi è un grande piazzale che facilita l’accoglienza dei numerosi pellegrini che durante i festeggiamenti  (tredici maggio, quindici agosto, otto settembre) si recano presso il Santuario.

Le testimonianze votive dell’arte e della pietà popolare sono conservate in modo visibile e custodite nella purezza del cuore del credente.

Dopo aver ascoltato le parole di Don Simone Gentile…una pausa pranzo.

Non sono mancati i prodotti tipici portati dagli alunni….e così un momento conviviale.

Come la tradizione vuole…la “panedda prena”.

 

L’ubicazione geografica di un santuario non è mai casuale, ma risponde piuttosto a una serie di logiche, che si compiono in uno spazio territoriale. La «territorializzazione del sacro», dunque, permette di cogliere i bisogni fondamentali dell’uomo di sicurezza e di dominazione, ma anche dell’affidarsi a forze che hanno potenza maggiore.

Alla prossima escursione…

Con la stima di sempre.

Angelo Risi

Continue Reading

Progetto Trekking “Sentiero della primula Palinuri” – Istituto Superiore Carlo Pisacane di Sapri

Nell’ambito di una progettazione di percorsi trekking – culturali, destinata agli alunni dell’istituto superiore Carlo Pisacane di Sapri, rientra l’uscita didattica…destinazione Palinuro.

 

 

Lui è Giovanni Cammarano. Sarà una delle due guide che ci accompagneranno in questo percorso: Trekking – Sentiero della primula.

Anche questa volta mi ritrovo a documentare… ed è per questo che intervisto il Presidente Cammarano…

Prima di iniziare il percorso una visita all’antiquarium…

L’antiquarium è posto su uno strapiombo costiero a ridosso di una suggestiva cala in località Ficocella. L’edificio fu realizzato negli anni ’60 grazie all’interesse dell’Ente Provinciale per il Turismo di Salerno, al fine di dare una collocazione alla miriade di reperti archeologici rinvenuti per un succedersi di scavi a partire dal 1948.

L’antiquarium raccoglie suppellettili di ossidiana risalenti a 6000 anni fa circa, i resti di un antico insediamento preistorico individuato nel 1983, i corredi della necropoli di età arcaica che hanno restituito ceramica di tradizione ionica, ceramica attica a figure nere e ceramica di produzione locale tipica del Vallo di Diano con decorazione geometrica, adoperata, oltre che per contenere acqua o derrate alimentari, anche come cinerari dei defunti sottoposti a cremazione. Sono inoltre esposti i ritrovamenti di numerosi relitti di età ellenistica affondati nel mare di Palinuro.

Dopo aver visitato l’antiquarium ci avviamo verso la nostra destinazione…zona porto.

….ed ecco la Primula Palinuri Petagna.

La primula di Palinuro (Primula palinuri) è una piccola pianta endemica di alcuni tratti del Tirreno meridionale. Rarissima e a rischio d’estinzione, è il simbolo del Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, in Campania, in cui è più facile incontrarla.
Considerata un paleoendemismo, cioè una specie endemica relitta, risalente almeno al quaternario antico, circa due milioni e mezzo di anni fa, la primula di Palinuro è probabilmente l’unica superstite di una famiglia di primule, originariamente diffuse sulle montagne dell’Italia meridionale, oggi l’unica primula che cresce in ambiente non montano.
Molto rara e a rischio di estinzione, questa pianticella cresce in piccole colonie abbarbicate lungo le falesie calcaree, preferibilmente esposte a nord e a nordovest, più fresche, sull’orlo delle cenge e nelle fenditure delle rocce, dei litorali della Basilicata, della Calabria e della Campania meridionale. In particolare, la si ritrova da Capo Palinuri alla Costa degli Infreschi, a Scalea, sull’Isola di Dino e Praia a Mare, a Punta Caina, e nel Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, ma la sua diffusione è ridotta e frammentaria.
Pianticella molto rara e a rischio di estinzione, è protetta a livello regionale e comunitario, inserita nella lista rossa compita dall’Iucn, l’Unione mondiale per la conservazione della natura. Caratterizzata da un robusto rizoma, una folta rosetta di foglie un poco carnose, fiorisce in febbraio e marzo: i fiori, giallo dorati, con calice lungo, bianco, penduli, sono riuniti in un’infiorescenza sorretta da uno stelo robusto, alto una ventina di centimetri. Riuscire a vederla, è una gran bella soddisfazione, ovviamente senza raccoglierla.

Mentre i ragazzi sono intenti a fotografare la primula e gli ambienti …mi soffermo ad intervistare Cammarano, per meglio evidenziare questa specie…simbolo del nostro parco.

 

A questo punto iniziamo il percorso trekking vero e proprio. E’ un sentiero lungo circa cinque chilometri, ad anello, facile da percorrere, con un dislivello di +0 – 130 metri, percorribile in due ore e mezza. Inizia dal porto di Palinuro e conduce alla sommità del Capo ove sono situati il Faro e la stazione meteorologica. E’ un sentiero che fa godere di paesaggi marini suggestivi e maestosi. Si possono vedere torri  che furono costruite in epoca aragonese per la difesa costiera dall’azione dei pirati saraceni e ancora oggi punteggiano le rocce strapiombanti nel mare blu. Più recenti le fortificazioni di Punta del Fortino e di Monte d’Oro (epoca napoleonica). Infine si scende verso il porto di Palinuro mediante un agevole sentiero immerso nella pineta.

 

La prima tappa punta del fortino francese…

Tante le specie vegetali lungo il percorso…

Attenta osservatrice…pronta allo scatto giusto… a cogliere l’attimo: Roberta del Medico – autrice di gran parte delle foto di questo articolo, che sentitamente ringrazio.

 

Ed eccoci al fortino di Monte D’oro…risalente ai primi dell’ottocento.

 

Sulla strada del ritorno ci siamo fermati ad ammirare lo scoglio del coniglio.

 

Nel Mito, l’episodio relativo a Palinuro viene descritto alla fine del Libro V dell‘ Eneide, nel quale Virgilio individua il punto preciso della vicenda: uno scoglio, riconducibile al tratto di costa campano del  mar Tirreno, dinanzi all’omonimo capo, tra il golfo di Policastro e l’insenatura di Pisciotta, nella subregione attualmente chiamataCilento.

Naufrago dopo aver invocato invano i propri compagni, rimane per tre giorni in balia del Noto (vento) fino all’approdo sulle spiagge d’Italia, dove troverà ad attenderlo non la salvezza ma una fine crudele: catturato dalla gente indigena, viene ucciso e il suo corpo abbandonato in mare scambiandolo per un mostro marino.

Veniva così soddisfatta la richiesta di Nettuno, dio del mare, che nel momento stesso in cui accordava a Venere il proprio aiuto per condurre in salvo la flotta di Enea sulle coste campane, aveva preteso per sé in cambio una vittima:

« Unum pro multis dabitur caput.
Una sola vittima per la salvezza di molti »

(Eneide, V, 815)

Palinuro, nel successivo Libro VI, vagando tra le anime degli insepolti, sarà protagonista di un triste incontro con Enea, disceso nel regno di Ade in compagnia della Sibilla Cumana.
In quell’occasione supplicherà il suo condottiero di dargli sepoltura, esortandolo a cercare il suo corpo tra i flutti degli approdi velini (Elea-Velia).

« Aut tu mihi terram inice, namque potes, portusque require Velinos. »

(Eneide, VI, 365)

Sarà la Sibilla a dovergli rivelare che il suo cadavere non verrà mai ritrovato: la sacerdotessa tuttavia mitiga l’amarezza del nocchiero predicendogli che, perseguitati da eventi prodigiosi, i suoi assassini erigeranno un cenotafio da dedicare a lui e da onorare con offerte. Quel luogo avrebbe per sempre portato il nome Palinuro.

Ma lasciando il Mito…ci avviamo sulla strada del ritorno.

Con la stima di sempre.

Angelo Risi

Continue Reading

Progetto Trekking “La grava del Vesalo” alunni I.S. Carlo Pisacane di Sapri

 Il significato di trekking deve essere ricercato nel verbo inglese to trek, che significa fare un viaggio lungo, camminando piano. Un mix tra camminata in mezzo alla natura ed escursionismo.

La F.I.E. (Federazione Italiana Escursionisti) collega tra loro gruppi, associazioni e club in tutta Italia. Promuove l’escursionismo e le attività a contatto con la natura. Organizza corsi di formazione per accompagnatori escursionistici nazionali. Tramite le associazioni ad essa affiliate interviene nelle scuole ed accompagna nelle escursioni i diversamente abili. Organizza giornate nel nome dell’escursionismo. E’ la rappresentante italiana della Federazione Europea Escursionismo F.E.E. con il mandato di progettare, segnalare e mantenere in ordine i Sentieri Europei che attraversano l’Italia nelle varie direzioni. Essendo io, formato e tesserato, ho accolto prontamente la possibilità di accompagnare gli alunni del Pisacane in questa avventura organizzata in collaborazione con:https://www.facebook.com/groups/132863133536890/

 

E’ stata quasi d’obbligo una prima tappa a Rofrano, laddove nasce il fiume Faraone, che alimenta l’intera vallata del Mingardo. Abbiamo percorso l’itinerario naturalistico alla volta delle Fistole del Faraone, sotto la guida degli esperti escursionisti dell’Associazione: Carlo e Pasquale .  Le Fistole del Faraone sono alle pendici del monte Raia del Pedale ” 1521 metri “, da queste si forma il fiume che a valle assume il nome di Mingardo. Ha una portata media complessiva di circa 580 – 600 litri al secondo.

 

Una natura incontaminata…laddove fuoriesce l’acqua…elemento fondamentale per la vita dell’intero ecosistema. Uno spettacolo unico…che ha interessato i ragazzi.

 

Lasciato Rofrano ci siamo avventurati nel percorso trekking ” La grava del Vesalo“. Di grande interesse speleologico e scientifico è uno dei fenomeni carsici più famosi agli speleologi europei. Il più grande inghiottitoio nel complesso appenninico Alburni-Cervati. Il percorso è un sentiero lungo quattro chilometri, con un dislivello di salita di centocinquanta metri, percorribile in circa due ore e con una difficoltà bassa.

 

Ancora spoglio il bosco, mentre  i fiori con la loro effimera delicatezza e i  colori sono il controcanto ideale per gli alberi, imponenti e statici . È anche l’equilibrio fra queste forme complementari a rendere il bosco de “la grava del Vesalo” un ambiente magico. I fiori, sono immensamente più piccoli degli alberi ma essendo numerosissimi e molto variopinti, insieme ai raggi di sole che filtrano, illuminano e ravvivano il sottobosco. Spesso passano inosservati perché si tende a camminare tenendo la testa alta per ammirare gli alberi ma basta gettare uno sguardo in basso, ai lati del sentiero o oltre, fra le rocce ed i tronchi degli alberi o lungo i fossetti dove scorre l’acqua o negli avvallamenti del terreno ed allora si è catturati dai loro colori. ed ecco il “bucaneve“…

 

Il bucaneve (Galanthus nivalis, catalogato da Linnaeus 1753) è una pianta perenne, erbacea ed eretta, della famiglia  delle Amarillidaceae. Il nome del genere “Galanthus”deriva da due parole greche: “gala”  (bianco come il latte) e “anthos” (fiore). Il nome specifico “nivalis” fa riferimento alla sua precoce fioritura in mezzo alla neve. I riferimenti storici al Bucaneve si perdono nella “notte dei tempi”. Viene chiamato “Stella del mattino” perché è uno dei primi fiori ad apparire nel nuovo anno. Anche le feste religiose (sia cristiane che pagane) fanno riferimento a questo fiore: è una pianta sacra e simbolica per la festa della Candelora (2 febbraio); invece in Imbolc (antica festa irlandese del culmine dell’inverno – 1º febbraio) si dice che il colore bianco del bucaneve ricorda allo stesso tempo la purezza di una Giovane Dea (festeggiata in questa ricorrenza pagana) e il latte che nutre gli agnelli.

 

Tra le foglie secche fanno capolino i “crocus” (comunemente detto croco), un genere di piante spermatofite monocotiledoni appartenenti alla famiglia delle Iridaceae. Sono piante erbacee perenni con foglie lineari e  fiori a forma di coppa, di colore violaceo, giallo, bianco, a cui appartiene la specie comunemente detta zafferano (con gli stigmi rossi). Il nome del genere (Crocus) deriva dal greco Kròkos (c’è un esplicito riferimento a questo fiore nell ‘Iliade di Omero – Libro XIV, versetto 347) che significa “filo di tessuto” e si riferisce ai lunghi stigmi  ben visibili nella specie più conosciuta (e coltivata) di questo genere (Crocus sativus). La prima documentazione dell’uso di questo nome lo abbiamo da Teofrasto di Efeso (Efeso, 371 a.C. – Atene, 287 a.C.), filosofo e botanico greco antico nonché discepolo di Aristotele. 

La conoscenza di questi fiori va molto indietro nel tempo. Ciò è dimostrato dal fatto che persino la Bibbia nel Libro dei Cantici  (4:14) vengono citati come piante aromatiche e odorose. Nell’antica Grecia si usavano per farne corone oppure si spargevano nei teatri o nei letti nuziali. Mentre nell’antica Roma si usava ornare le tombe con questo fiore come auspicio per una vita ultraterrena. Varie sono le leggende attorno al fiore del “Croco”. In una di queste Croco era un giovane innamorato della pastorella Smilliace che venne trasformato in detto fiore ad opera di Venere o in un’altra versione venne trasformato in fiore dal dio Ermes geloso della pastorella. In un’altra si racconta che Croco morì giocando con Mercurio  e che dal suo sangue nacque il fiore. In un’altra ancora si racconta che il fiore del croco germogliasse nel momento in cui Paride dava il suo giudizio  sulla più bella fra le dee.

 

Camminando lungo il percorso Trekking siamo tutti intenti a scoprire qualche altro fiore…ed ecco che quasi d’incanto appare ai nostri occhi la “Scilla italica“, con foglie allungate e strette, di un bel verde chiaro, e  fiori con sei tepali azzurri uniti alla base. I fiori sono raccolti in un racemo dalla forma piramidale.

Ed ecco che siamo giunti all’inizio del percorco che conduce alla tappa finale del nostro viaggio: l’inghiottitoio.

 

E’ una zona ricca di acqua, come d’altronde tutta l’area già visitata. Tanti sono gli “abbeveratoi” per gli animali che troviamo lungo il cammino.

Un pallone lasciato a testimoniare il passaggio di ragazzi che spesso, particolarmente d’estate, fanno in questi boschi attività ricreative. Segno di una civiltà discutibile…per quanto i luoghi versano in uno stato di “cura“, non mancano segnali di abbandono di rifiuti.

Lungo il cammino si è potuto osservare la Primula comune (nome scientifico Primula vulgaris, catalogata da Huds 1762). E’ una pianta della famiglia delle Primulacee, che nasce spontaneamente nel sottobosco e fiorisce agli inizi della primavera. Nella letteratura scientifica uno dei primi botanici a usare il nome di “Primula” per questi fiori fu P.A. Matthioli (1500 – 1577), medico e botanico di Siena, famoso fra l’altro per avere fatto degli studi su Dioscoride, e per aver scritto una delle prime opere botaniche moderne. Dioscoride Pedanio (in greco: Πεδάνιος Διοσκουρίδης, Pedànios Dioskourìdes)  è stato un medico, botanico e farmacista greco antico che esercitò a Roma ai tempi dell’imperatore Nerone.

I ragazzi sono letteralmente “rapiti” dalla nostra guida…intenta a raccontare del luogo …

Non mancano i “controlli” di noi accompagnatori, a verificare se il gruppo è tutto presente.

Ed ecco qualche “ranuncolo“…una pianta erbacea delle ranuncolacee ( Ranunculus acer ), velenosa, comune nei prati, con foglie palmatopartite, fiori terminali gialli e frutti ad achenio con becco ricurvo. Il nome generico (Ranunculus), passando per il latino, deriva dal greco  (batrachion), e significa rana (è Plinio scrittore e naturalista latino, che c’informa di questa etimologia) in quanto molte specie  di questo genere prediligono le zone umide, ombrose e paludose, habitat naturale degli anfibi. La denominazione scientifica attualmente accettata è stata proposto da Carl Von Linnè  (1707–1778), biologo e scrittore svedese, considerato il padre della moderna classificazione scientifica degli organismi viventi, nella pubblicazione “Species Plantarum” del 1753. I ranuncoli sono fiori semplici ma eleganti provenienti dall’Asia. La conoscenza di queste piante è molto antica. I turchi le chiamavano “fiori doppi di Tripoli”; mentre lo scrittore e filosofo romano Apuleio  (125 – 170) le nominava come “erba scellerata” a causa della loro tossicità. Così con queste informazioni il botanico italiano Paolo Bartolomeo Clarici (1664 – 1725) introduce la descrizione del ranuncolo in un suo scritto.

Aspettando i ragazzi mi salta all’occhio la presenza del “pungitopo“… è un basso arbusto sempreverde con tipiche bacche rosse impiegate come ornamento natalizio.

 Il Pungitopo è un piccolo arbusto sempreverde appartenente alle Liliacee.  Possiede rizoma sotterraneo e fusto molto ramificato e tenace, striato longitudinalmente. I getti sono cilindrici, succosi, rossastri, con all’apice un gruppetto di brattee verdognole. Le foglie sono sostituite da numerosi cladodi sessili, appiattiti, ovato­lanceolati, terminanti in un mucrone pungente. I fiori sono piccoli, verdastri, isolati o a coppie, inseriti al centro dei cladodi all’ascella di una piccola brattea, fiorisce in inverno nei paesi a clima caldo e altrove da febbraio ad aprile. Il frutto è una piccola bacca globosa di 10-­15 mm di diametro, di colore rosso vivo, che matura nell’inverno successivo alla fioritura.

Tante le primule lungo il cammino…

Dopo aver camminato senza alcuna fatica e dopo aver seguito il corso dell’acqua (che dalla sorgente “fistole” arriva all’inghiottitoio per continuare il suo naturale percorso verso le viscere della terra o del mare…) eccoci giunti a destinazione.

Di grande interesse speleologico e scientifico è la grava del Vesalo, uno dei fenomeni carsici più famosi agli speleologi d’Europa. Rappresenta il più grande inghiottitoio nel complesso appenninico Alburni-Cervati. Un inghiottitoio è una cavità, generalmente a forma di imbuto, che si forma a causa del processo di scioglimento delle rocce carbonatiche (come i calcari, le dolomie, i marmi) rese solubili da una reazione tra acido carbonico (anidride carbonica in soluzione acquosa) e il carbonato di calcio di cui le rocce sono composte. L’erosione può assumere forme diverse: superficiale, come avviene per i campi solcati o nelle doline, o più profonda e sotterranea, come nel caso degli inghiottitoi. L’ampia voragine, costituita da un doppio pozzo di 43 e 100 metri al cui fondo si apre una caverna a galleria, nella quale si riversano le acque del torrente Silenzio in piena, è costituita da un susseguirsi di pozzi, cascate e laghetti, definiti cavernose Blanc, Lago Laurino, galleria delle marmitte, Galleria Luberns, Sala La Bruna, Sala del camino, Antro degli Opilionidi, Discesa Durante. La maggior parte di queste caverne sono visitabili solo dagli speleologi.

 

La notevole umidità e la particolarità del suolo hanno consentito lo svilupparsi di particolari forme di flora e fauna.

Un esempio è la salamandra pezzata. Facilmente riconoscibile per la sua colorazione nera con vistose macchie gialle. Raggiunge i 15–20 cm di lunghezza totale (coda compresa), e le femmine sono in generale più lunghe e grosse dei maschi. La pelle, liscia e lucente, è cosparsa di piccole ghiandole secernenti il muco che ricopre l’animale; il muco ha una funzione battericida (protegge la pelle dalle infezioni), riduce la disidratazione e ha un gusto repellente per gli eventuali predatori. Le tinte vivaci della pelle segnalano appunto che la salamandra non è commestibile: queste colorazioni appariscenti sono dette “colorazioni di avvertimento” (funzione aposematica). La salamandra frequenta ambienti boscati freschi e umidi (in particolare quelli di latifoglie) attraversati da piccoli corsi d’acqua, spesso fondamentali per la riproduzione. Anche la struttura e le caratteristiche dei corsi d’acqua nei quali avviene la deposizione delle larve giocano infatti un ruolo molto importante nel determinare la distribuzione della specie. Corsi d’acqua poco profondi, dall’andamento naturale, con ricchezza di rifugi e substrato ben diversificato hanno maggiori probabilità di ospitare questo urodelo.

Anche la qualità dell’acqua è importante. La salamandra depone infatti solitamente in torrenti poco o per nulla inquinati con ampia disponibilità di macroinvertebrati (crostacei, larve di insetto ecc.) di cui le larve si nutrono. In alcuni casi la salamandra utilizza per la deposizione anche lavatoi, vasche e piccoli stagni alimentati da sorgenti che garantiscono un livello di ossigenazione adeguato. Inoltre la salamandra (essendo notturna) esce la sera, o di giorno se ci sono piogge molto forti.

Salta agli occhi la Cardamine kitaibelii, nome volgare: Dentaria di Kitaibel (famiglia delle Cruciferae). Si può confondere con C. enneaphyllos e C. heptaphylla.

La dentaria di Kitaibel è una specie delle montagne dell’Europa meridionale presente in tutte le regioni dell’Italia continentale, salvo che in quelle del nord-est e in Puglia (la presenza in Valle d’Aosta è dubbia). Cresce in faggete umide, spesso nelle forre e in aree con forte piovosità, su terreni piuttosto freschi e ricchi in sostanza organica, tra 400 e 1600 m circa. Il nome generico deriva dal termine greco ‘kárdamon’ che designava il crescione (Nasturtium officinale), molto simile alle Cardamine con foglie pennate; la specie è dedicata al botanico ungherese P. Kitaibel (1757-1817). Forma biologica: geofita rizomatosa. Periodo di fioritura: aprile-luglio.

Siamo alla conclusione del percorso trekking. I ragazzi continuano a fare domande sul luogo, e Carlo la nostra guida parla del brigante Tardio e della leggenda che vuole che trovò la morte nell’inghiottitoio. Il brigante – partigiano del Cilento Giuseppe Maria Tardio nacque a Piaggine Soprane nel Principato Citra il 1° ottobre 1834 da Paolo e Catarina Alliegro di Rofrano. Ma questa è altra storia che va approfondita …magari un’altra volta.

E così… ci avviamo sulla via del ritorno a scuola.

Ho cercato di raccontarvi quanto da noi vissuto. Mi auguro di aver trasferito delle nozioni e delle emozioni.

Un abbraccio con la stima di sempre.

Angelo RISI

 

 

Continue Reading

” Il cammino della fede” – Uscite didattiche alunni Istituto agrario di Sapri – Santuario San Biagio – Maratea

“Il cammino della fede” prevede quattro itinerari da percorrere con gli alunni dell’istituto agrario di Sapri. Sono tre le discipline scolastiche: scienze motorie, scienze religiose e scienze ambientali che vedono impegnati i relativi docenti nell’illustrare i percorsi e accompagnare gli alunni verso la conoscenza del territorio, del camminare quale stile di vita sano e mettersi in contatto con la propria sensibilità e religiosità.

Il primo itinerario è il santuario di San Biagio a Maratea…

E’ una bellissima giornata di sole. Lungo il percorso lo scenario che si prospetta ai nostri occhi è a dir poco meraviglioso…lascio “parlare” le immagini.

Ed ecco che sulla sommità del monte San Biagio si intravede il Cristo.

I ragazzi sono tutti entusiasti. Per alcuni di loro è la prima volta che vedono il Cristo di Maratea.

Giunti all’inizio del percorso trekking, una prima colazione per avere le giuste energie per affrontare la salita.

Quasi in religioso silenzio…ascoltando la storia di San Biagio.

Non potevamo non notare i resti degli incendi della scorsa estate. Il sottobosco in alcuni punti stenta a rigenerarsi. E’ stata l’occasione per una riflessione di educazione ambientale.

Alla prima sosta, una foto di gruppo.

Lungo il percorso, tanti i fiori, tante le specie…tante le domande da parte degli alunni. Una lezione di botanica in pieno campo.

Colori e odori tipici della macchia mediterranea e del sottobosco.

Un panomara da mozzafiato…

…è come perdersi nell’immensità del mare.

I ragazzi per nulla stanchi tutto hanno osservato…qualcuno ha raccolto finanche i primi asparagi.

 

Ci hanno raggiunto alcuni alunni di Maratea con i loro cavalli.

Come un pellegrinaggio… in alcuni momenti il silenzio ha regnato  lungo la salita. La voglia di arrivare in cima…

 

Ed ecco il Santuario di San Biagio…

 

È il cuore religioso della comunità cristiana locale e custode delle reliquie del Patrono San Biagio.

Si trova fabbricato nel punto più alto della città vecchia di Maratea, detta Castello, e ne è la chiesa parrocchiale. Tradizione vuole sia sorta sul sito di un tempio pagano dedicato a Minerva. Nel millenoventoquaranta è stata elevata alla dignità di basilica minore.

Ed ecco il Cristo… è una colossale scultura posta sulla cima del monte San Biagio, sovrastante Maratea. Fu realizzata con un particolare impasto di cemento misto a scaglie di marmo di Carrara dall’artista fiorentino Bruno Innocenti tra il millenovecentosessantatre e il millenovecentosessantacinque. È alta ventuno metri e tredici centimetri. Secondo una testimonianza lasciata scritta da Bruno Innocenti la statua «vuole significare la rinascita, la speranza nuova indicataci dal Cristo Risorto. Il punto d’incontro delle nostre aspirazioni migliori e lui, divinamente ritornante, spaziante nei cieli e in cammino, sempre, verso di noi. Il Redentore, con il largo gesto al cielo e con lo sguardo fisso ai fedeli, presenti nell’ignoto momento della loro esistenza, è legato al Padre Celeste nella benedizione che sta per essere impartita, mentre ancora una volta poggia il piede su questa terra che fu spettatrice della sua crocifissione. Ma in virtù della sua infinita capacità di perdono, niente traspare della tragedia vissuta. Ora è serenità, speranza, perdono luminoso e confortante a venirci incontro: un Gesù giovane, senza tempo, mondo da ogni effimera apparenza terrena. Divinamente nuovo come il simbolo incarnato della seconda parte della Santissima Trinità, l’Umano e il Divino non più contaminati dall’uomo.» Fermo su questo concetto, lo scultore sentì il bisogno «che l’opera nascente in un clima di sintesi, semplice ed espressiva, e che non vi fossero compiacenze a dettagli formali intesi a richiamare alla mente immagini di culto convenzionali.» Innocenti scrisse di volere che il simbolismo dell’opera fosse «il più possibile contenuto ed essenziale, perché, nelle dimensioni della statua, ritengo sarebbero stati controproducenti atteggiamenti e dettagli che avessero richiamato una realtà spicciola, contingente, minutamente reale. La statua sorgerà candida sulla cima del Monte S. Biagio, imponente, ma discreta; non un urlo dal mare verso le valli, ma un pacato richiamo ad accogliere e a raccogliere, a rinfrancare la speranza»

Non poteva mancare una nutriente colazione con i prodotti tipici…ci ha pensato la mamma di un nostro alunno a rifocillare tutta la comitiva.

 

Qualcuno ha immortalato pure me…mentre vi scrivevo….

E’ stata una giornata memorabile. Ripercorrendo le vie del sacro ho ritrovato angoli unici di spiritualità, mi sono raccolto in preghiera nel silenzio e ho partecipato a uno dei più importanti momenti della vita, la fase educativa dei nostri giovani. Vi do appuntamento alla prossima e vi abbraccio con la stima di sempre.

Angelo Risi

Continue Reading

ELEZIONI POLITICHE 2018 – C’E’ UN’ITALIA DA RIFARE.

E’ una Italia divisa in due, e forse tre, la fotografia che si è profilata all’indomani delle elezioni politiche del quattro marzo.

Una immagine che neppure il più navigato dei politici si sarebbe mai sognata, eppure i sentori dei malcontenti e della sfiducia nei partiti si avvertivano da lunghissimo tempo. E’ stato un grido di liberazione del popolo del sud, che ha riposto fiducia nel “movimento cinque stelle”, così come il popolo del settentrione nella “Lega”- nata dall’unione di movimenti popolari.

I motivi che hanno spinto gli elettori a dare fiducia a tali schieramenti anti-sistema anzinchè ai partiti tradizionali sono facilmente comprensibili, in quando già da tempo il popolo italiano da nord a sud, isole comprese, manifestava dissenso verso la partitocrazia per i motivi che tutti noi conosciamo: interessi privati, corruzione e quant’altro. Considerando che mai l’Italia è stata unita da un progetto politico comune, tant’è che ancora oggi è grande il divario tra settentrione e meridione, tra periferie e città, tra ricchi e poveri; facile è stato rivendicare l’orgoglio del proprio voto e il senso di appartenenza al territorio. Ognuno si è sentito libero e convinto di esprimere un forte dissenso verso i “professionisti” della politica che per raggiungerei i loro fini giustificano i mezzi. Troppo ci sarebbe da scrivere a livello nazionale, mi limito a  quanto è successo vicino a me, quale esempio di mal costume ed eclatante sconfitta politica. Una singolare petizione di quattrocentosettanta amministratori cilentani per sponsorizzare la candidatura in Parlamento di Franco Alfieri, firmata anche da quei personaggi che affollavano la sala conferenze dell’hotel Ramada nel novembre duemilasedici, allorquando il governatore De Luca dettò le norme di comportamento a favore del sì al referendum costituzionale, invitando tutti a emulare lo stile clientelare-politico del buon Alfieri. Nacque il “patto delle fritture di pesce”.  Un patto che non bastò a Renzi per far approvare la sua riforma e nemmeno è bastato ad Alfieri per entrare in Parlamento. Il popolo non solo non dimentica ma non vuole essere comprato ne tantomeno venduto per una “frittura di pesce”.

Se è vero che la frase, estrapolata da un discorso, fu strumentalizzata; è anche vero che un Governatore di Regione non avrebbe dovuto teatralizzare una questione delicata come una consultazione referendaria elargendo “doni” e “titoli” che ledono la dignità dell’uomo e dell’elettore. Non mi dilungo sui comportamenti e le esternazioni del Governatore in merito all’inchiesta di Fanpage. Troppo ci sarebbe da dire. Vero è che anche quelli hanno contribuito alla batosta elettorale del PD e alla sconfitta a Salerno del figlio Piero, battuto dal candidato del Movimento cinque stelle: Nicola Provenza. Piero De Luca e Paolo Siani, candidati del Partito democratico in Campania entrambi sconfitti nei rispettivi collegi uninominali di Salerno e Napoli-San Carlo all’Arena, entreranno per la prima volta alla Camera dei Deputati grazie al listino bloccato, intanto Caserta resterà senza deputati. Tanti i ripescati su tutto il territorio nazionale, ex ministri, nomi noti e consumati che avendo perso nei collegi uninominali entrano dalla “porta” del proporzionale. Una storia tutta italiana. Pazienza.

Ma ritorniamo a noi, in Cilento, nella circoscrizione Campania due, Franco Alfieri (35mila voti) è stato superato dalla candidata del Movimento cinque stelle Alessia D’Alessandro (42mila voti) che su Facebook tramite un video messaggio ha ringraziato tutti e ha dichiarato: «Per me l’esito registrato  è un esito di pieno successo, perché siamo finalmente riusciti a liberarci dall’uomo che per tanti anni ha deturpato questi territori, di un uomo che è conosciuto per la politica clientelare e che non ha seguito gli interessi della collettività ma solo quello di certi ceti interessati». 

https://www.facebook.com/AlessiaDAlessandro.MoVimento5Stelle/

 

Leccarsi le ferite oggi non serve a niente. Servono piuttosto riflessioni da parte di chi amministra le comunità ed è convinto di “gestire” a suo piacimento sia la cosa pubblica che le volontà politiche dei cittadini. C’è da dire anche che a nulla è servita una nuova legge elettorale se non ad ingarbugliare la situazione politica già tanto compromessa e a salvare qualche protetto o figlio di papà. Ha generato dissenso finanche il fatto che i candidati “calati” dall’alto non sempre sono l’espressione di un territorio. Una politica, quella dei partiti, e comportamenti, quelli dei soggetti interessati, che negli anni hanno assunto sempre di più le connotazioni e le caratteristiche di una vera casta.

Come poteva il sud e il popolo non ribellarsi a tale sistema partitocratico?

Ha fin troppo resistito …sopportando ogni tipo di “delitto” verso la democrazia e di “sopruso” verso la civiltà ed ha reagito con l’unico modo che gli era possibile: recandosi alle urne e votando il movimento cinque stelle. Una forza giovane e nuova.

Il sud ha votato senza pensare agli scenari politici che si profileranno ma con la consapevolezza di lasciarsi dietro i vecchi partiti composti da vassalli, valvassori e valvassini.

Dopo centocinquant’anni e più riecheggiano ancora le parole di Massimo D’Azeglio:«Abbiamo fatto l’Italia. Ora si tratta di fare gli italiani».

Tanto sangue e tante vite sono state sacrificate per avere un’Italia e un popolo italiano unito, eppure fatta l’Italia forse bisogna ancora fare gli italiani.

Sono convinto che dove non si è riusciti il quattro marzo si provvederà in futuro. Viva il sud. Viva l’Italia di domani.

Vi abbraccio con la stima di sempre!

Angelo Risi

Continue Reading

Campionati italiani di pasticceria e gelateria – La saprese Rosetta Bovienzo a sostegno dei partecipanti

 

Dal venticinque febbraio a tutt’oggi ottanta pasticceri sono scesi in campo a Massa Carrara, presso la fiera Ticino Ct, per sfidarsi nel più dolce dei tornei: “Campionati italiani di pasticceria, gelateria e cioccolateria e i Campionati italiani di cake design” –  organizzati e diretti dalla Federazione internazionale pasticceria, gelateria e cioccolateria :

Home

 La pagina facebook: https://www.facebook.com/fipfederazionepasticceria/

 

Due campionati per quattro giorni di alta pasticceria, tra creazioni originali, accostamenti inediti, tecniche all’avanguardia e tutto il talento dei migliori interpreti dell’arte pasticcera, che si sono contesi l’ambita Coppa. I vincitori avranno la possibilità di entrare a far parte della Nazionale italiana di pasticceria che parteciperà ai Mondiali nel 2019.

“I Campionati italiani rappresentano l’occasione perfetta per mettere alla prova il talento e la creatività dei migliori pasticceri e cake designer del nostro paese”, parole queste del presidente della Fipgc, Roberto Lestani.

A giudicare il talento, la creatività e ogni aspetto delle opere presentate, è stata una giuria molto attenta ed esigente, composta dai campioni che hanno vinto le precedenti edizioni dei Campionati Fipg e dai professionisti dell’Equipe Eccellenza italiana e internazionale Fipgc.

I partecipanti hanno realizzato delle vere e proprie opere d’arte, e sono stati valutati anche nel più piccolo dettaglio: dalle tecniche utilizzate agli ingredienti, dalla pulizia del piano di lavoro al tempo impiegato.

I maestri pasticcieri italiani hanno messo in mostra tutto il proprio talento e tutta la propria abilità realizzando un dolce secondo la specialità scelta tra tre opzioni differenti al momento dell’iscrizione: scultura in cioccolato e praline; scultura in zucchero e dessert al piatto; scultura in pastigliaggio e torta moderna.

Tre diverse categorie per le tre diverse specialità che saranno poi protagoniste dei Mondiali 2019.

Ogni giorno è stato eletto un vincitore per ognuna di queste categorie, e i tre vincitori assoluti formeranno la nazionale italiana.

Chiamarle torte è riduttivo: sono veri e propri capolavori quelli realizzati dai cake designer. Ve ne presento alcuni…

 

 

Vincere la Coppa Italia è solo il punto di partenza, perché proprio da qui inizierà la vera sfida: la preparazione per i Mondiali. Ci vorranno infatti mesi e mesi di allenamenti serrati, studio di nuove tecniche, prove e perfezionamento continuo, e soprattutto impegno per creare lo spirito di squadra per affrontare al meglio i Campionati Mondiali del 2019 che si terranno presso Host Fiera Milano.

A sostenere i maestri c’è anche la saprese Rosetta Bovienzo, ristoratrice e appassionata di dolci. La Bovienzo è nella Federazione Internazionale ed è per questo a sostegno degli ottanta partecipanti scesi in campo a sfidarsi.

Sto vivendo una bellissima esperienza perché e’ un mondo che mi affascina e si sta insieme a persone per condividere la stessa passione. Ma soprattutto SOSTENERE i partecipanti e’ bellissimo in quanto loro sono emozionati e molto tesi ed e’ importante trasmettere la grinta per affrontare al meglio questo concorso

Queste  le parole della Bovienzo, che ai i grandi maestri pasticcieri li lega la passione per la preparazione di dolci. Al punto tale che ha aperto una pagina Facebook: https://www.facebook.com/IDolciDiRosetta/

Oggi, a conclusione campionato, decretata la Nazionale Italiana per i prossimi Campionati Mondiali FIPGC che si terranno presso Host Fiera Milano 2019:Barbara Borghi, Gianluca Cecere, Umberto Soprano .

E’ grazie a Rosetta e alla sua passione che sono venuto a conoscenza di questo evento. Che ho vissuto indirettamente tramite lei, con immagini e contatti continui. Mi è sembrato di essere presente…guardando le foto e i video mi è parso di sentire financhè gli odori dell’alta pasticceria italiana.

Rosetta, donna di grandi interessi e passioni non si è fatta mancare niente. Si è finanche abbandonata a dolci carezze con il suo amato Gianluca.

Saluto Rosetta e Gianluca in questo modo:”Devi amare quello che fai…ogni dolce ha la sua storia“.

Vi abbraccio con la stima di sempre.

Angelo RISI

Continue Reading

Preti gay e chat erotiche, nel dossier inviato alla Curia sette i nominati della diocesi di Teggiano-Policastro

 

Francesco Mangiacapra è un giovane avvocato di Napoli che dopo anni di precariato ha deciso di vendersi. Ora è il più richiesto e più pagato prostituto della città.

http://www.liberoquotidiano.it/news/italia/12328862/francesco-mangiacapra-avvocato-prostituto-militari-preti.html

E’ passato alle cronache per aver denunciato pubblicamente le tristi vicende sessuali di alcuni sacerdoti, torna a far tremare la curia e lo fa questa volta svelando i nomi e i vizi di oltre cinquanta tra preti e seminaristi gay del mezzogiorno.

L’ex avvocato ha reso note queste condotte in un suo libro “Il Numero Uno. Confessioni di un marchettaro“, edito da Iacobelli, volume in cui ripercorre la sua storia di avvocato che ha scelto di diventare gigolò, preferendo vendere il corpo piuttosto che svendere il cervello, diventando amante di numerosi sacerdoti. Un testo politico, quello di un prostituto politico: così lo ha definito il sociologo e storico francese Frédéric Martel.

 

Il gigolò annunciò la cosa lo scorso 14 dicembre 2017 ad Aversa, nel casertano, durante la presentazione del suo libro organizzata da La Rampa.

Poi non potevano mancare commenti sul caso di Don Crescenzo Abbate, il parroco di Succivo finito nel ciclone mediatico per una estorsione ai suoi danni messa in atto da due giovani per un “video hard”.

Per Mangiacapra, il caso Don Crescenzo è solo la punta di un iceberg. Nei prossimi giorni presenterò un dossier che conta decine di nomi di sacerdoti del Sud Italia, anche dell’agroaversano, ma soprattutto mille pagine di allegati circostanziato, verificabili e verificati. Prove inconfutabili di attività sessualmente attivi e situazioni assurde.

“Diversamente da un padre di famiglia che tradisce i suoi familiari, il prete ha una responsabilità collettività rispetto al ruolo che rappresenta, una comunità che lo segue. Quel sacerdote non tradisce una sola persona ma tutti. Quell’abito non è un lavoro ma una vocazione.”

 

 

Un dossier di circa 1200 pagine è quello che Francesco Mangiacapra,  definito l’escort dei preti e testimone chiave e principale accusatore anche nel processo contro Don Luca Morini (Don Euro), il sacerdote originario di Vecchiano, per anni sul pulpito a Massa-Carrara e in Lunigiana, finito al centro di una indagine tra soldi ed escort. Mangiacapra ha redatto il dossier, contenente nomi, cognomi, telefoni, contatti, fatti e soprattutto prove, dopo anni di indagini e contatti con oltre cinquanta tra sacerdoti e seminaristi viziosi del sud Italia.

“Redigo questo catalogo di mele marce – dice Mangiacapra – non con l’intento di gettare fango sulla Chiesa ma con quello di contribuire a estirparne il marcio che contaminerebbe tutto quanto c’è di integro. L’elenco e le prove fornite negli allegati non sono esaustivi di tutto il campionario che ho incontrato negli ultimi anni perché in molti casi non sono riuscito a raccogliere informazioni e materiale probatorio utili: molte notizie tuttavia sono già note ad alcuni vescovi che anziché agire, avallano questi comportamenti. Al solito i presuli si svegliano solo quando si montano i casi mass-mediatici: mi auspico che questa volta i vertici della Curia possano prendere provvedimenti concreti e svolgere i doverosi accertamenti prima che i vizi dei religiosi che segnalo diventino di dominio pubblico tramite la stampa. L’atteggiamento di quei Vescovi già informati e che ancora non hanno preso provvedimenti è omertoso perché un vescovo, informato con dovizia di particolari su un sacerdote soggetto alla sua giurisdizione, si muove con premura e affetto e non interviene con forza solo quando scoppia uno scandalo”.

“Il fine non è far del male alle persone che menzionerò ma aiutarle a comprendere che la loro doppia vita, per quanto apparentemente comoda, non è utile a loro né a tutte le persone per cui esse dovrebbero rappresentare una guida e un esempio da seguire. Il comportamento dei prelati che segnalo – aggiunge il gigolò – è, in molti casi, frutto dell’impunità a cui gli stessi vertici della Chiesa li hanno abituati: quella ingiusta tolleranza che alimenta l’idea di poter continuare a separare ciò che si esercita da ciò che si esprime, come è tipico di chi ha una doppia morale schizofrenica. Con troppa sicurezza questi sacerdoti sono abituati a contare su quella discrezione di cui da troppo tempo beneficiano, e che ingiustamente consente loro di spogliarsi occasionalmente della tonaca a uso e consumo dei propri vizi. Qui non si tratta di fare moralismi ma di portare alla luce realtà non consentanee agli obblighi assunti di chi il moralismo lo fa quotidianamente dai pergami alle aule di catechismo. L’insulto morale che ricevo da questi preti è un capovolgimento di ruoli tra il peccatore che denuncia l’immoralità e la guida
morale che la commette che sfiora il paradosso e che dà una sola certezza: le pietre sul colpevole non le può lanciare nessuno ma solo perché la Chiesa fa in modo
di farle sparire tutte“.

 

Un dossier sulla rete di incontri dei preti gay – anche a pagamento – (rivelato in anteprima dal sito Gaynews) è stato consegnato alla Curia di Napoli: su 58 preti coinvolti in tutta Italia, 13 sono in provincia di Salerno. Sono 1200 pagine divise in schede personali, testimonianze, foto e circa un migliaio di screenshoot relativi a chat hard. Tra le diocesi salernitane si concentra il più alto numero di religiosi interessati: 7 operano a Teggiano-Policastro, 2 a Salerno-Campagna- Acerno, 2 a Nocera-Sarno, 2 ad Amalfi-Cava. Nel Cilento risiederebbe la quota più elevata di ecclesiastici citati nella documentazione, riversata su un cd rom e affidata lunedì a padre Luigi Ortaglio, cancelliere diocesano.

«Napoli non c’entra». Lo ha detto il cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo metropolita di Napoli, commentando il dossier, depositato in Curia, di denuncia di presunti casi di omosessualità nei quali sarebbero coinvolti sacerdoti, religiosi e seminaristi di alcune Diocesi italiane. Sette apparterrebbero alla diocesi di Teggiano-Policastro. «Ci sarebbero due sacerdoti di cui nei fatti non conosco nomi e cognomi – ha affermato -. Si é voluto utilizzare Napoli come ufficio postale. Ci sono tante diocesi». «È stata scelta Napoli – ha aggiunto – probabilmente perché questo signore abiterebbe a Napoli e quindi per lui era più facile consegnarlo qui. Napoli di fatto non c’entra, nel senso che trattandosi di diverse Diocesi – ha concluso – io come vescovo di Napoli non ho competenza con nessun’altra Diocesi e ognuno si prenda la sua responsabilità».

 

I sacerdoti menzionati nel cd-rom del gigolò napoletano, avrebbero un tratto comune, ossia la capacità di fare rete fra loro, in materia d’incontri hot, così da scambiarsi informazioni o pareri, anche con profili su chat usate da omosessuali. Il dossier, oltre ad indignare l’opinione pubblica, ha scatenato una vera e propria bufera negli ambienti ecclesiastici: oggi in Vaticano, infatti, sono stati convocati per un’audizione sul caso, mons. Antonio De Luca- vescovo della diocesi di Teggiano-Policastro

 

 

ed il suo predecessore, mons. Angelo Spinillo

 attuale vescovo di Aversa.

Mons. Spinillo qualche tempo fa ha dovuto sospendere, dopo un servizio delle Iene, don Michele Barone arrestato per violenze sessuali durante i riti di esorcismo, anche su minorenni.

http://napoli.repubblica.it/cronaca/2018/02/23/news/casapesenna_arrestao_il_prete_esorcista-189581311/

Il sacerdote, secondo quanto emerso nell’ordinanza di custodia cautelare, avrebbe abusato sessualmente di alcune donne su cui praticava gli esorcismi. Secondo la Procura di Santa Maria Capua Vetere, don Michele Barone avrebbe generato “nelle giovani donne la convinzione di essere possedute dal demonio”, sottoponendole “a trattamenti disumani e profondamente lesivi della loro integrità fisicopsichica, nonché della loro dignità”. Inoltre, le vittime sarebbero state costrette a subire numerosi atti sessuali contro la loro volontà: “palpeggiamenti in zone erogene, denudazione e l’aberrante prassi di dormire, nude, insieme al prete e alla sua amante”.

Con le prove contenute nelle 1200 pagine, l’escort intende dimostrare che la condotta sessuale di questi preti è abituale, reiterata e – in molti casi – tollerata dai vertici della Chiesa. Ma soprattutto svela, attraverso le dichiarazioni di alcuni di loro, che esiste una lobby di preti gay che si frequenta, che si presta mutuo soccorso e che organizza orge e festini tra preti e non solo.

Francesco Mangiacapra non è nuovo a rivelazioni simili: si era già guadagnato credibilità segnalando e provando la condotta di un prete, con reati dei quali il prete sarà chiamato a rispondere all’udienza preliminare del prossimo 8 marzo.

L’avvocato-prostituto ha condotto un’inchiesta che neanche il più scaltro dei giornalisti sarebbe stato in grado di sopportare ed ha messo alla luce una delle situazioni più incresciose per la chiesa attuale. Nel dossier non emergerebbero episodi penalmente rilevanti, ma gravi violazioni inerenti il codice di diritto canonico da parte dei numerosi sacerdoti disinvolti nel partecipare e ricercare incontri omosessuali, anche a pagamento. Sconcerto, intanto, tra le comunità religiose di TeggianoPolicastro e quelle delle altre diocesi interessate dallo scandalo hard.

Angelo RISI

 

 

Continue Reading

A volte ritornano…IL deputato uscente Simone Valiante eletto Presidente del Consac Infrastrutture.

E’ straordinaria questa terra per quanto sia accogliente e disponibile verso chi ritorna ad essa…è proprio il caso di quel vecchio detto:”torna sta casa aspetta a te”.

Mi piacerebbe che così fosse per tutti i figli del Cilento…che dapprima partono alla ricerca di un lavoro…e che quando, qualche volta ritornano, perchè il lavoro altrove è finito o non lo hanno mai trovato…mi piacerebbe che al ritorno venissero reimpiegati. Certo non dico che debbano “trovare” una poltrona vuota che li aspetta, ma un lavoro che gli dia dignità.

Miei cari lettori se ho deciso di scrivervi è per raccontarvi una storia delle ultime ore: L’elezione all’unanimità di Simone Valiante a presidente del Consac Infrastrutture ( che si occupa dei lavori sul territorio in cui opera la Consac Spa, ovvero la società che gestisce la rete idrica in gran parte dei Comuni del Cilento e Vallo di Diano).

La straordinarietà non sta tanto nella nuova presidenza ma nell’acclamazione all’unanimità…quasi un atto di solidarietà dovuto.

(photo web)

E già …Simone ha tutti i requisiti per assumere tale incarico. E’ un professionista della politica così come vuole la mentalità comune.

Nasce politicamente nel 2009 come vice sindaco di Cuccaro Vetere, all’elezioni politiche del 2013 viene eletto deputato della XVII legislatura nella circoscrizione XX Campania 2 per il partito democratico (incarico che si appresta ad ultimare con la imminente conclusione della legislatura). E’ il figlio maggiore di Antonio Valiante, ex consigliere comunale ed ex sindaco di Cuccaro Vetere, più volte consigliere e assessore della regione Campania, nonchè deputato nella XII legislatura (dal 15 Aprile 1994 all’otto Maggio 1996).

Una storia quella dei Valiante ….con referenze politiche e curriculum vitae che gli consentono di occupare, in ogni momento, qualsivoglia poltrona nell’ambito regionale.

Sarebbe stato quasi sconveniente per l’immagine del nostro territorio non accogliere ed impiegare prontamente un deputato della Repubblica Italiana uscente, sebbene fosse sua intenzione ricandidarsi ma che il partito non ha ritenuto opportuno riproporre.

A onor del vero l’onorevole Simone Valiante durante la legislatura ha sempre presenziato manifestazioni nel Cilento e quindi è a conoscenza della situazione territoriale. Buon senso vorrebbe che trascorso il tempo necessario a dargli la serenità dovuta per ricoprire l’incarico affidatogli all’unanimità dai sindaci del consorzio e lasciati col pensiero gli agi della camera dei deputati….sarebbe opportuno, ripeto, che guardasse con occhi diversi il territorio che si appresta a vivere.

Sicuramente è un luogo il nostro meno monotono dei lunghi corridoi e delle grandi sale del parlamento italiano. Al neo presidente vorrei dire che in tanti lamenteranno la impercorribilità delle strade. Non li ascolti. Lei osservi come ha sempre fatto con gli occhi del politico navigato. La viabilità cilentana ci è invidiata da tutti quelli che l’hanno percorsa. Le diranno che c’è spazzatura ovunque, non è vero, non è così, non gli dia retta, è gente che parla a vanvera. Il Cilento è pulitissimo ( basta che cresca rigogliosa la vegetazione e ricopra tutti i resti della nostra civiltà). Già! Parlare di ambiente con lei è superfluo, è un argomento che conosce bene, visto che il suo partito, il 5 giugno del 2013, lo scelse come: Responsabile nazionale dell’Ambiente del Partito Democratico nella nuova segreteria nazionale del segretario “reggente” Guglielmo Epifani. Vicino all’ex Ministro Giuseppe Fioroni.

La disoccupazione? Ma no! Qui lavorano tutti. I giovani se vanno via è per farsi delle esperienze…a noi avanzano pure le poltrone… tant’è che lei non resterà disoccupato nemmeno un giorno. Ancora in “camera” ed ecco pronta la poltrona.

Il Cilento è una terra straordinaria….Lei da oggi è il presidente del Concac infrastrutture. Le diranno che la rete fa acqua da tutte le parti, non gli creda, la gente parla a vanvera. Lei è un politico di lunga esperienza, sa bene che l’acqua nei fossi lungo le strade tanto rinomate non è una perdita consortile, ma pioggia. Una pioggia di finanziamenti in prossimità delle elezioni è caduta sul Cilento, voluta da quel partito che non l’ha candidata. Notizie di questi giorni riportano finanziamenti per il metanodotto, per adeguamento infrastrutture scolastiche e quant’altro, segno tangibile di una volontà politica a voler creare occupazione in questo nostro territorio già di per sé straordinario. Sicuramente incontrerà qualcuno che vorrà parlare dei problemi della sanità…lasci perdere…cercheranno semplicemente di distrarla. Qua funziona tutto e  stiamo tutti bene, è nota al mondo la nostra longevità.

Noi avevamo bisogno di un politico di lunga esperienza… professionale e lungimirante come vuole la mentalità comune. Lasciata, pertanto, la Camera dei deputati.. dove per un quinquennio, ha svolto il suo lavoro ( che non sto qui ad elencare per paura di omettere qualcosa), sono sicuro che metterà al servizio del territorio tutta l’arte politica che occorre, a rilanciare l’occupazione dei nostri giovani che intanto avranno soddisfatto i propri bisogni fuori e ritorneranno, non per una poltrona, ma per un lavoro dignitoso. Sarà l’occasione per cominciare a ripopolare i nostri borghi, perchè i giovani rientrati, avendo un lavoro, magari si sposeranno e avranno dei figli….quei figli che andranno nelle scuole …che intanto saranno state adeguate. Perchè se così non sarà, allora mi chiedo: a che servono le infrastrutture? A che servono le poltrone? A che serve essere professionisti della politica se non si è in grado di dare vita e futuro a questa nostra terra?

Onorevole Valiante non mi dilungo, la invito a rivedere il video della sua missiva al Governatore De Luca. La invito a non pensare più alla “camera” ma a riflettere come giusto che sia per il futuro del Cilento.

(video – La TV di Gwendalina)

 

 

Vi abbraccio tutti, con la stima di sempre!

Angelo Risi

Continue Reading