A volte ritornano…IL deputato uscente Simone Valiante eletto Presidente del Consac Infrastrutture.

E’ straordinaria questa terra per quanto sia accogliente e disponibile verso chi ritorna ad essa…è proprio il caso di quel vecchio detto:”torna sta casa aspetta a te”.

Mi piacerebbe che così fosse per tutti i figli del Cilento…che dapprima partono alla ricerca di un lavoro…e che quando, qualche volta ritornano, perchè il lavoro altrove è finito o non lo hanno mai trovato…mi piacerebbe che al ritorno venissero reimpiegati. Certo non dico che debbano “trovare” una poltrona vuota che li aspetta, ma un lavoro che gli dia dignità.

Miei cari lettori se ho deciso di scrivervi è per raccontarvi una storia delle ultime ore: L’elezione all’unanimità di Simone Valiante a presidente del Consac Infrastrutture ( che si occupa dei lavori sul territorio in cui opera la Consac Spa, ovvero la società che gestisce la rete idrica in gran parte dei Comuni del Cilento e Vallo di Diano).

La straordinarietà non sta tanto nella nuova presidenza ma nell’acclamazione all’unanimità…quasi un atto di solidarietà dovuto.

(photo web)

E già …Simone ha tutti i requisiti per assumere tale incarico. E’ un professionista della politica così come vuole la mentalità comune.

Nasce politicamente nel 2009 come vice sindaco di Cuccaro Vetere, all’elezioni politiche del 2013 viene eletto deputato della XVII legislatura nella circoscrizione XX Campania 2 per il partito democratico (incarico che si appresta ad ultimare con la imminente conclusione della legislatura). E’ il figlio maggiore di Antonio Valiante, ex consigliere comunale ed ex sindaco di Cuccaro Vetere, più volte consigliere e assessore della regione Campania, nonchè deputato nella XII legislatura (dal 15 Aprile 1994 all’otto Maggio 1996).

Una storia quella dei Valiante ….con referenze politiche e curriculum vitae che gli consentono di occupare, in ogni momento, qualsivoglia poltrona nell’ambito regionale.

Sarebbe stato quasi sconveniente per l’immagine del nostro territorio non accogliere ed impiegare prontamente un deputato della Repubblica Italiana uscente, sebbene fosse sua intenzione ricandidarsi ma che il partito non ha ritenuto opportuno riproporre.

A onor del vero l’onorevole Simone Valiante durante la legislatura ha sempre presenziato manifestazioni nel Cilento e quindi è a conoscenza della situazione territoriale. Buon senso vorrebbe che trascorso il tempo necessario a dargli la serenità dovuta per ricoprire l’incarico affidatogli all’unanimità dai sindaci del consorzio e lasciati col pensiero gli agi della camera dei deputati….sarebbe opportuno, ripeto, che guardasse con occhi diversi il territorio che si appresta a vivere.

Sicuramente è un luogo il nostro meno monotono dei lunghi corridoi e delle grandi sale del parlamento italiano. Al neo presidente vorrei dire che in tanti lamenteranno la impercorribilità delle strade. Non li ascolti. Lei osservi come ha sempre fatto con gli occhi del politico navigato. La viabilità cilentana ci è invidiata da tutti quelli che l’hanno percorsa. Le diranno che c’è spazzatura ovunque, non è vero, non è così, non gli dia retta, è gente che parla a vanvera. Il Cilento è pulitissimo ( basta che cresca rigogliosa la vegetazione e ricopra tutti i resti della nostra civiltà). Già! Parlare di ambiente con lei è superfluo, è un argomento che conosce bene, visto che il suo partito, il 5 giugno del 2013, lo scelse come: Responsabile nazionale dell’Ambiente del Partito Democratico nella nuova segreteria nazionale del segretario “reggente” Guglielmo Epifani. Vicino all’ex Ministro Giuseppe Fioroni.

La disoccupazione? Ma no! Qui lavorano tutti. I giovani se vanno via è per farsi delle esperienze…a noi avanzano pure le poltrone… tant’è che lei non resterà disoccupato nemmeno un giorno. Ancora in “camera” ed ecco pronta la poltrona.

Il Cilento è una terra straordinaria….Lei da oggi è il presidente del Concac infrastrutture. Le diranno che la rete fa acqua da tutte le parti, non gli creda, la gente parla a vanvera. Lei è un politico di lunga esperienza, sa bene che l’acqua nei fossi lungo le strade tanto rinomate non è una perdita consortile, ma pioggia. Una pioggia di finanziamenti in prossimità delle elezioni è caduta sul Cilento, voluta da quel partito che non l’ha candidata. Notizie di questi giorni riportano finanziamenti per il metanodotto, per adeguamento infrastrutture scolastiche e quant’altro, segno tangibile di una volontà politica a voler creare occupazione in questo nostro territorio già di per sé straordinario. Sicuramente incontrerà qualcuno che vorrà parlare dei problemi della sanità…lasci perdere…cercheranno semplicemente di distrarla. Qua funziona tutto e  stiamo tutti bene, è nota al mondo la nostra longevità.

Noi avevamo bisogno di un politico di lunga esperienza… professionale e lungimirante come vuole la mentalità comune. Lasciata, pertanto, la Camera dei deputati.. dove per un quinquennio, ha svolto il suo lavoro ( che non sto qui ad elencare per paura di omettere qualcosa), sono sicuro che metterà al servizio del territorio tutta l’arte politica che occorre, a rilanciare l’occupazione dei nostri giovani che intanto avranno soddisfatto i propri bisogni fuori e ritorneranno, non per una poltrona, ma per un lavoro dignitoso. Sarà l’occasione per cominciare a ripopolare i nostri borghi, perchè i giovani rientrati, avendo un lavoro, magari si sposeranno e avranno dei figli….quei figli che andranno nelle scuole …che intanto saranno state adeguate. Perchè se così non sarà, allora mi chiedo: a che servono le infrastrutture? A che servono le poltrone? A che serve essere professionisti della politica se non si è in grado di dare vita e futuro a questa nostra terra?

Onorevole Valiante non mi dilungo, la invito a rivedere il video della sua missiva al Governatore De Luca. La invito a non pensare più alla “camera” ma a riflettere come giusto che sia per il futuro del Cilento.

(video – La TV di Gwendalina)

 

 

Vi abbraccio tutti, con la stima di sempre!

Angelo Risi

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *